17 January 2021

La primavera astronomica porterà i primi CALDI al sud

ensSe il weekend vedrà sull’Italia un parziale rinforzo dell’alta pressione a partire dal lato atlantico, così come abbiamo ampiamente descritto in questo articolo, i primissimi giorni della prossima settimana assisteranno ad un assist promosso dall’anticiclone nord-africano verso il nostro meridione e le Isole Maggiori. Una toccata e fuga di 36 ore circa che comunque si farà sentire, anche in virtù del salto di temperatura rispetto ai freschi valori attuali.

La prima mappa raffigurata in alto ci mostra proprio il campo medio di temperatura previsto sul piano isobarico di 850hPa, circa 1.500 metri di quota, sullo scacchiere euro-atlantico e mediterraneo per la giornata di martedì 22 marzo. Sebbene la distanza temporale sia ancora elevata (120 ore), è possibile apprezzare che la media dei 20 scenari rappresentati converge con una buona probabilità su quella lingua di aria spaghcalda, rappresentata dall’isoterma di 15°C, in risalita dal nord Africa verso il nostro meridione.

Lo scenario viene confermato anche da un altro punto di vista, quello raffigurato nel grafico qui a fianco, che rappresenta la temperatura a 850hPa (sopra) e a 500hPa (sotto) sulla verticale della città di Napoli. Evidente anche in questo caso il sensibile rialzo delle temperature, con apice proprio nella giornata di martedì 22 marzo.

Insomma, esordio della primavera astronomica in piena sintonia con l’andamento climatico, che porterà le prime temperature tra 20 e 25°C su alcune zone del nostro meridione e sulle Isole maggiori. Nei prossimi giorni affineremo meglio il dettaglio tornando sull’argomento alla luce dei più recenti aggiornamenti.

Luca Angelini

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.