27 November 2020

La sventagliata temporalesca di venerdì al nord, nuove conferme

Tutto sembra procedere secondo i piani. Ostacolato dalla presenza di un imponente campo anticiclonico di blocco, posto a sentinella del comparto europeo orientale su su fino alla Russia, il flusso perturbato atlantico legato ad una estesa fascia depressionaria che cinge le alte latitudini, sarà costretto a deviare lungo i meridiani. In particolare una saccatura muoverà alla volta del Mediterraneo passando attraverso la Francia, corazzata da una perturbazione che nella giornata di venerdì 5 agosto investirà in pieno le nostre regioni settentrionali.

Le prime avvisaglie del peggioramento atmosferico si faranno notare già durante la serata di giovedì 4, allorquando intensa nuvolosità andrà addensandosi a ridosso dell’arco alpino centro-occidentale e, a seguire, anche su Piemonte ed ovest Lombardia, con i primi colpi di tuono destinati principalmente alla Valle d’Aosta, all’alto Piemonte e al nord della Lombardia.

Poi ecco la perturbazione vera e propria affrontare l’attraversamento integrale delle nostre regioni settentrionali da ovest verso est, con una scia di precipitazioni, talora anche temporalesche, accompagnate da colpi di vento e isolate grandinate, tal altra invece più deboli e sbrigative, che si spartiranno il territorio a partire dalla successiva nottata.

Al momento pare che, come sempre, le regioni alpine, prealpine e pedemontane possano ricevere i maggiori apporti di pioggia, un po’ meno i settori padani centrali, forse solo isolati acquazzoni in rapida risoluzione sulle coste del Ponente ligure. Il quadro avrà però certamente bisogno di ulteriori conferme e queste verranno nelle prossime ore, quando i prodotti numerici consentiranno di esaminare nel dettaglio i vari parametri grezzi che caratterizzeranno la struttura della buccia atmosferica interessata dall’evento.

Va da sè, e qui non ci piove (scusate la battuta), che la perturbazione porterà un carico di aria fresca di derivazione nord-atlantica, che si accompagnerà pertanto ad un calo delle temperature, più vistoso sulle Alpi, dove il limite dello zero termico potrebbe consentire qualche spruzzata di neve fin verso i 3.000 metri. Chiudiamo con il vento che, dopo essersi presentato sotto forma di Libeccio in Liguria e di Scirocco sulle Venezie, ruoterà dai quadranti settentrionali, incentivando correnti favoniche tra il pomeriggio e la serata sulle pianure del nord-ovest, in contrasto con venti di Bora in rientro dall’alto Adriatico, che ricacceranno i temporali dal Triveneto verso l’Emilia Romagna. Interessate in questa fase anche Toscana e Marche.

Nel frattempo la perturbazione si sarà spezzata e il moncone principale sarà impegnato nella difficile scelta di dove posizionarsi nel corso del fine settimana, argomento che abbiamo già trattato in questo editoriale e sul quale sarà necessario tornare nei prossimi aggiornamenti.

Luca Angelini

La sventagliata temporalesca di venerdì al nord, nuove conferme

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.