20 January 2021

La tendenza meteo per FERRAGOSTO: siamo ancora in alto mare

C’è chi insiste e ad ogni nuova corsa dei modelli numerici cambia versione limando un po’ di qua e aggiungendo un po’ di là, ma la cosa giusta da fare sarebbe quella di tirare i remi in barca e aspettare. Aspettare si, azione ormai dimenticata nell’era del tutto e subito e che invece dovremo tornare ad apprezzare.

Ma veniamo a noi: la tendenza per il tempo di Ferragosto.

Viste le elaborazioni numeriche più recenti, considerati gli indici di affidabilità probabilistica, tenuto conto della particolare situazione e, soprattutto, della distanza temporale che ancora ci separa, possiamo spingere il nostro sguardo diciamo fino a mercoledì 10 – giovedì 11 agosto. Tutta l’attenzione è per una vasta ondulazione del flusso portante, ossia la linea di separazione tra le alte pressioni subtropicali e le depressioni polari, ondulazione che, stretta a tenaglia tra due colossi anticiclonici di blocco, l’uno sul Canada e l’altro sulla Russia, finirà per deviare lungo i meridiani e sfogare sull’Europa centrale.

Il vertice di tale saccatura, questo è il nome tecnico della struttura atmosferica in questione, passerà a compasso anche sul Mediterraneo, interessando l’Italia probabilmente tra martedì 9 e giovedì 11 agosto, arco temporale nel corso del quale sul nostro Paese si avranno condizioni favorevoli a tempo instabile, a tratti temporalesco e caratterizzato da un nuovo calo delle temperature.

Come vedete però abbiamo già sforato il limite massimo della previsione a media scadenza e pertanto non è possibile arrivare all’epilogo, al tempo del lungo weekend di Ferragosto, anche se la mossa successiva potrebbe essere quella di un tempo in lenta convalescenza. La carta che vi ho proposto in figura, relativa alla giornata di giovedì 11 agosto, ci mostra i motivi: siamo in quota e precisamente sul piano isobarico di 500hPa, che corrisponde a circa 5.500 mt, dove scorrono le correnti traccianti delle masse d’aria e si nota l’asse della nostra saccatura proteso verso l’Italia.

La colorazione tra il giallo e l’arancio indica però indice di affidabilità molto basso. Vale a dire che la saccatura potrebbe sprofondare più ad est, più ad ovest o addirittura passare oltralpe. In queste condizioni, come vi ho spiegato poc’anzi, non siamo in grado di concludere un processo previsionale accettabile. Non ci resta che tener conto della tendenza sino a mercoledì 10 agosto, salvo tornare sull’argomento tra qualche giorno, quando la situazione sarà indubbiamente più chiara.

Luca Angelini

La tendenza meteo per FERRAGOSTO: siamo ancora in alto mare

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.