6 December 2021

.

Le meraviglie della primavera sulle nostre montagne

Uno scatto davvero magistrale quello che vi abbiamo voluto proporre oggi e che arriva dai 2.300 metri del rifugio Mont Fallere in Valle d’Aosta (se volete seguire la pagina questo è il link Facebook). Lambite dalle perturbazioni in corsa sull’Europa centrale, le nostre Alpi risentono di tempo molto incerto, spesso nuvoloso che non lesina anche di dispensare precipitazioni.

Il limite delle nevicate su queste zone scende a tratti anche fino a 1.500-1.600 metri, pur se gli accumuli più significativi si hanno oltre i 2 mila metri. Questa situazione di estrema variabilità atmosferica mette a nudo questi splendidi contrasti con la primavera che ha già vestito di “Crocus”, non per nulla chiamati anche “bucaneve”, i pascoli ancora ingialliti dall’inverno ormai in fuga dall’altra parte del mondo.

Luca Angelini