Le previsioni per mercoledì 20 settembre: residua instabilità al centro-sud

COMMENTO GENERALE: se il fresco sarà, sotto l’aspetto meteorologico, il comune denominatore che unirà l’Italia intera nella giornata di mercoledì 20 settembre, l’instabilità sarà invece appartata su alcuni settori, quelli più orientali della Penisola, dove più evidente rimane l’azione del vortice scivolato verso i Balcani.

IL TEMPO: la giornata trascorrerà pertanto piuttosto nuvolosa su Friuli, la Venezia Giulia, i settori alpini di confine altoatesini, le regioni centrali adriatiche e quelle meridionali. La probabilità di precipitazioni è più elevata su Marche, Abruzzo e Molise, dove le piogge saranno più frequenti ed intense, tuttavia rovesci sparsi saranno possibili anche su Puglia, Basilicata, Campania e sui settori tirrenici di Calabria e Sicilia.

NEVE IN MONTAGNA: segnalo che l’aria sarà piuttosto fredda per il periodo e il livello dello zero termico potrebbe concedere qualche nevicata, sia sui settori alpini di confine dell’Alto Adige (quota 1.400-1.600 metri), sia su quelli dell’Appennino centrale (quota 1.600-1700 metri).

Sul resto del nord, sulle regioni centrali tirreniche, sulla Sardegna e sulla Sicilia centro-meridionale prevarranno condizioni soleggiate.

VENTI e MARI: clima ventoso ovunque per Maestrale, con mari molto mossi. Possibile ricaduta favonica a sud delle Alpi e sulla val Padana settentrionale.

TEMPERATURE: basse per la stagione, ma con valori massime in lieve aumento al nord.

TENDENZA SUCCESSIVA: giovedì 21 e venerdì 22 prevalenza di sole ovunque, con clima più mite e cessazione del vento. Venerdì pomeriggio possibile transito di modesta nuvolosità medio-alta al nord, senza conseguenze.

Luca Angelini