L’ESTATE 2018 nel mondo, ecco come è andata

Dopo aver analizzato il corso della stagione  sull’Italia e l’andamento dei mesi scorsi (giugno e luglio), siamo ora arrivati ad esaminare agosto 2018 che è stato, a livello globale, il 5° (quinto) mese di agosto più caldo nella serie storica dei dati globali che inizia dal 1880. Particolarmente caldi, a livello di anomalia, sono stati gli oceani dell’emisfero sud che si pongono al secondo posto nella stessa serie storica di dati riferiti all’emisfero australe.

A livello continentale l’Europa centro settentrionale è stata nell’agosto 2018 molto più calda della media, così come molto più calde della media anche le aree artiche, gran parte dell’Asia centrale e la parte orientale degli Stati Uniti. Più fredde della media globale di agosto sono state, invece, le aree nord occidentali del Canada.

L’anomalia termica artica, tra le più pesanti dell’intero globo, ha inciso anche sull’andamento dell’estensione complessiva della banchisa e sullo spessore della stessa. Come risulta anche oggi dai dati real time, i ghiacci polari sono ai loro livelli minimi molto vicini ai record assoluti.

A conti fatti dunque, l’estate 2018 si è posta al 4° (quarto) posto fra gli anni più caldi dal 1880 (inizio della serie storica di dati globali) dopo il 2016, il 2015 e il 2017.

Ricapitolando: Bollettino della NOAA (vedi figura in alto, click per aprirla)
Agosto 2018: quinto agosto più caldo a livello globale
Estate 2018: quinta estate più calda a livello globale
Anno 2018 (finora) quarto anno più caldo a livello globale

Per ulteriori approfondimenti consultare:
https://www.ncei.noaa.gov/news/global-climate-201808
https://www.ncdc.noaa.gov/sotc/global/201808

Prof. Vincenzo Ferrara

L’ESTATE 2018 nel mondo, ecco come è andata