5 April 2020

Lunedì 29: mari in tempesta, onde fino a 6 metri e rischio mareggiate

Il vortice ciclonico giunto domenica sui nostri mari di ponente stinge le viti e si approfondisce raggiungendo al suo interno valori di pressione al livello del mare fino a 985hPa. E’ un valore ragguardevole per le latitudini mediterranee e questo si traduce in una duplice fonte di vento: vento sinottico (o di gradiente) dovuto alla diferenza di pressione all’interno del vortice, vento isallobarico dovuto allo spostamento del sistema verso nord.

Dunque venti di burrasca forte e localmente di tempesta che proverranno principalmente dai quadranti meridionali, quindi Ostro e Scirocco, ma anche Libeccio sul mar Ligure. proprio su quest’ultimo bacino sono previste nel pomeriggio onde alte fino a 6 metri, con rischio di violente mareggiate lungo tutta la fascia costiera centrale e di Levante. Mareggiate comunque previste anche lungo tutta l’area costiera tirrenica, in particolare tra Lazio, Toscana e relativi arcipelaghi, oltre che lungo le coste occidentali sarde, anche se qui il grosso del mare se ne starà al largo.

In dettaglio è previsto vento forza 10 (burrasca forte) da sud) sui seguenti bacini: Mare di Corsica, mar Ligure, Tirreno settentrionale, Tirreno centrale settore ovest, Tirreno meridionale settore ovest, mare e Canale di Sardegna,, da sud-est sull’Adriativo settentrionale.

Acqua alta record sull Laguna Veneta, con punte tra 142 e 150 centimetri. Per tenere sotto controllo il tutto in tempo reale vi indichiamo la nostra pagina dedicata allo stato del mare.

Luca Angelini

Lunedì 29: mari in tempesta, onde fino a 6 metri e rischio mareggiate