4 December 2020

Le stazioni meteo preferite dagli appassionati

Lunedì sera nuove PIOGGE al centro-nord, calano le TEMPERATURE al sud

Due protagonisti diversi della scena meteorologica si spartiranno lunedì 18 settembre il nostro Paese:

  • Il calo delle temperature al sud, che avverrà per mano dei venti di Maestrale al seguito della perturbazione 6 ormai in fuga verso est.
  • Le nuove piogge in arrivo a partire dalla sera sulle regioni centrali e su parte di quelle settentrionali.

Partiamo con il primo punto, grazie al quale il nostro meridione si lascerà alle spalle il colpo di coda dell’estate che ha portato su alcune zone valori da primato del caldo per il periodo. Basti pensare ai 38°C registrati a Sigonella nel Catanese o ai 36°C all’Aeroporto di Palermo e a Termoli in Molise. Data l’anomalia pregressa il salto sarà notevole e i valori cadranno di diversi gradi, questo non solo lunedì, ma anche i giorni successivi, come abbiamo approfondito in questo editoriale dedicato.

Passiamo ora alla nuova perturbazione atlantica in arrivo. Fotocopia delle precedenti, il corpo nuvoloso nato in Atlantico dalla depressione – che da giorni staziona sul posto ben alimentata da correnti polari e anche da un contributo artico – interesserà principalmente le nostre regioni centrali e settentrionali.

Data la traiettoria delle correnti portanti e quella di traslazione dell’asse nuvoloso, le precipitazioni potranno risultare intense su estremo Levante ligure, Toscana (compreso Arcipelago) e Friuli Venezia Giulia, mentre potranno essere scarse o assenti su estremo Ponente ligure e al confine tra Piemonte e Lombardia. Interessante la quota neve sulle Alpi, che si collocherà tra i 1.700-1.800 metri dei settori di confine, ai 2.000 metri delle altre zone. Possibili spruzzate di neve anche sulle cime più elevate dell’Appennino settentrionale intorno a 2.000 metri.

Nella notte su martedì possibile estensione di piogge e temporali anche a SardegnaUmbria, Marche e Lazio (approfondiremo in un prossimo editoriale quest’ultimo particolare).

Segnalo infine le condizioni di Libeccio corto sul mar Ligure, che potranno determinare condizioni di moto ondoso critiche al largo e sul Levante.

Luca Angelini