4 April 2020

Lunedì TEMPORALONI su diverse regioni d’Italia

Se i temporali più violenti si verificano solitamente in estate, i temporali più insistenti si concentrano in autunno. Questo “dettaglio” non di poco conto è stato in passato all’origine di molti nubifragi o addirittura di situazioni alluvionali. L’attuale situazione sinottica si presta a generare per la giornata di oggi, lunedì 29 ottobre, proprio questo tipo di quadro, con il rischio di struttire temporalesche di tipo stazionario, le classiche figure multicellulari a forma di “V”.

Gli indici temporaleschi sono elevati e metteno sotto osservazione gran parte delle nostre regioni centro-settentrionali. Il sistema di previsiona sperimentale Estofex, che potete trovare in versione integrale (e lingua originale) nella nostra pagina dedicata, è perentorio: pericolo di livello 2 per:

  • piogge particolarmente abbondanti, localmente anche estreme
  • locale ma concerto rischio di tornado sulle aree pianeggianti, costriere e di mare aperto.

Le aree soggette a questo pericolo sono quelle che nella figura in alto (clic per aprirla) vengono contrassegnate entro la bordatura rossa con il livello 2.

Secondo il sistema previsionale PRETEMP inoltre si evince un possibile ulteriore livello di epricolo pari a 3 per precipitazioni con accumuli molto elevati sui settori montuosi del Veneto e del Friuli Venezi Giulia. Confermata l’allerta rossa della Protezione Civle su tutto il settore alpine e prealpino della Lombaria, del Triveneto e in Liguria.

Luca Angelini

Lunedì TEMPORALONI su diverse regioni d’Italia