20 October 2020

Maestrale a 100 all’ora, rischio mareggiate estreme venerdì sera in Calabria, Sicilia e Sardegna

Uno sfondamento davvero impetuoso quello del fronte freddo atlantico attraverso i varchi francesi, con una doppia spinta, sia sinottica (vento che si genera per differenza della pressione atmosferica), sia isallobarica (vento che si genera per il rapido spostamento del centro di bassa pressione).

Se venerdì mattina prevarranno venti meridionali, Libeccio su mar Ligure, bacini tirrenici e ionici, Ponente su quelli circostanti la Sardegna, Scirocco lungo l’Adriatico, tra pomeriggio e sera sfonderà un Maestrale davvero “cattivo”, rafficato, turbolento, che investirà soprattutto i nostri bacini di ponente.

Secondo le stime numeriche venerdì sera sulle coste occidentali sarde, su quelle tirreniche della Penisola e della Sicilia, potranno manifestarsi mareggiate anche violente. Possibili colpi di mare localmente estremi, con onde fino a 7 metri sui litorali delle province di Sassari, Oristano e Iglesias, addirittura fino a 8 metri nella notte su sabato 14 contro i litorali delle province di Palermo, Messinese tirrenico, Reggino e Vibonese.

Luca Angelini

Powered by Siteground