9 December 2019

MALTEMPO, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia alla conta dei danni

Sono davvero impressionanti le conseguenze dell’ondata di maltempo che si è abbattuta sulle nostre regioni meridionali nelle ultime ore.

In particolare nella giornata di martedì 12 una autentica tempesta ha investito il Metapontino dove Marina di Policoro è stata letteralmente devastata dal fortunale (vedi foto qui sotto). Sempre in Basilicata si segnala il nubifragio che si è abbattuto su Matera (vedi foto qui sopra), accompagnandosi ad allagamenti e piccoli smottamenti; veri e propri fiumi d’acqua si sono riversati nella zona dei Sassi e in alcune vie degli storici rioni, dove l’acqua è penetrata con molta forza in alcune abitazioni provocando ingenti danni.

Vento da record in alcune località della Puglia, della Basilicata, della Calabria e della Sicilia, anche fino a 150km/h nella zona di Taormina. Segnaliamo anche lo Scirocco a 120 orari a Gallipoli, 87 a Lecce e 85 a Taranto. Violente mareggiate hanno battuto le coste ioniche, con onde fino a 7 metri in Calabria e in Salento.

Intanto, mentre il vortice inizia ad allentare la morsa, l‘allerta meteo continua, tanto che anche per oggi, mercoledì 13 novembre, è stata disposta la chiusura delle scuole nei seguenti comuni di Puglia, Basilicata, Lazio e Campania: Taranto, Sava (Taranto), Mesagne (Brindisi), Policoro (Matera), Scanzano ionico (Matera), Messina, Licata (Agrigento), Formia (Latina), Napoli, Sorrento (Napoli), San Giorgio a Cremano (Napoli), Portici (Napoli), Ercolano (Napoli), Torre del Greco (Napoli), San Sebastiano al Vesuvio (Napoli), Cercola (Napoli), Massa di Somma (Napoli), Somma Vesuviana (Napoli), Volla (Napoli)Pollena, Trocchia (Napoli), Sant’Anastasia (Napoli), Sant’Agnello (Napoli), Ischia (Napoli), Pozzuoli (Napoli), Ottaviano (Napoli), Capri (Napoli).

Report Luca Angelini

Powered by Siteground