Martedì 11 instabile sulla Puglia con qualche spruzzata di NEVE sopra i 600 metri

L’aria fredda ha iniziato a lavorare e con il graduale affievolimento dei venti inizierà ora a depositarsi nei bassi strati facendo cuscino. 

Ci sono però alcuni settori del nostro Paese dove il vento settentrionale si sente ancora, lungo le creste alpine (ultime spruzzate di neve portate da nord in mattinata sui settori di confine centro-orientali), in Liguria, sulle Isole e lungo le coste adriatiche ad esempio. Proprio sui settori più meridionali adriatici questa ventilazione attiverà alcuni annuvolamenti che tra Molise e Puglia potranno dar luogo anche qualche precipitazione, specie in mattinata.

In considerazione della qualità della massa d’aria e del relativo profilo termico verticale, queste precipitazioni potranno manifestarsi a carattere nevoso a partire da 600-700 metri.

Altri annuvolamenti, seppur più modesti e senza conseguenze, si potranno avere sulle Isole Maggiori e, tra pomeriggio e sera, anche tra Liguria e alta Toscana.

Dal pomeriggio esaurimento dei fenomeni sul basso Adriatico e lungo la cresta alpina, con sviluppo di schiarite, ma con temperature che, dalla serata, subiranno un’ulteriore diminuzione su tutto il Paese.

Luca Angelini