19 June 2018

Mercoledì 11 aprile l’apice del MALTEMPO atteso al nord

L’azione ciclonica che da alcuni giorni insiste sul comparto occidentale europeo, coinvolgendo anche le nostre regioni settentrionali, raggiungerà nelle prossime ore la sua massima espressione. Lo farà per mano di un intenso sistema frontale che investirà con una azione a ventaglio ancora una volta il nostro settentrione, allungandosi poi in parte anche su centro e Sardegna.

Al MATTINO le precipitazioni si concentreranno soprattutto su Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia, est Emilia ed Appennino Tosco-emiliano. La maggiore intensità dei fenomeni si avrà sulle Alpi occidentali. Quota neve tra 1.400 e 1.600 metri. Ancora in attesa il nord-est.

Al POMERIGGIO piogge diffuse e anche intense su tutto il nord-ovest. Le precipitazioni raggiungeranno anche Veneto, Trentino, Alto Adige, il resto dell’Emilia, l’entroterra toscano e la Sardegna. Possibilità di isolati temporali, più probabili sull’estremo Ponente ligure. Quota neve invariata, sia sulle Alpi che sugli Appennini.

In SERATA piogge su tutto il nord e, a tratti, anche su Toscana, Umbria, Lazio ed entroterra marchigiano. In montagna continuerà a nevicare a partire da 1.500 metri di quota. Le nevicate risulteranno abbondanti su Alpi e Prealpi.

Ulteriori precipitazioni, seppur meno estese e persistenti, sono attese anche per la giornata di GIOVEDI 12, ma di questo tratteremo in un prossimo editoriale.

Luca Angelini

Mercoledì 11 aprile l’apice del MALTEMPO atteso al nord