24 September 2020

Mercoledì 29 rovesci soprattutto al nord-est e al centro

L’azione del vortice ciclonico che da giorni sta interessando l’Italia tende a spostarsi appena verso levante. La spinta è arrivata da una perturbazione nord-atlantica al cui seguito affluisce aria polare marittima fredda.

Quest’ultima, presente soprattutto in quota, si rovescia verso i bassi strati attraverso gli acquazzoni e i temporali che nella giornata di mercoledì ritroveremo soprattutto su Triveneto, Emilia, Romagna, Toscana, Umbria e Marche. Qualche rovescio si potrà manifestare anche su Lazio, Campania e sulla Puglia centrale, ma in un contesto di variabilità con possibili schiarite, anche ampie e soleggiate dal pomeriggio.

Su Valle d’Aosta, Piemonte occidentale, Riviera ligure dei Fiori e Sardegna prevalenza di sole. Su Lombardia e Liguria centro-orientale nuvoloso ma con bassa probabilità di fenomeni. Su Basilicata, Calabria e Sicilia alternanza di sole e banchi nuvolosi di passaggio, ma senza conseguenze, a parte forse qualche isolato rovesci pomeridiano sui monti settentrionali siculi.

Nevicate in montagna: su est Alpi e settori lombardi di confine con la Svizzera a partire da 1.800-2.000 metri, sull’Appennino centro-settentrionale sopra i 2.000 metri. Venti settentrionali al nord , al centro e in Sardegna, da sud-ovest al meridione. Possibili folate di Foehn nelle vallate valdostane e sulla pianura piemontese e sull’ovest della Lombardia. Mari molto mossi,

Temperature in diminuzione al nord e al centro, ad eccezione dell’estremo nord-ovest e comunque laddove soffierà il Foehn. Per il momento stazionarie altrove, ma tendenti a diminuire dalla sera anche al sud.

Terminiamo con un appunto della Protezione Civile che per mercoledì 29 maggio ha diramato ALLERTA ROSSA per rischio idraulico (allagamento, esondazioni) sulla Pianura emiliana centrale, ALLERTA ARANCIONE per rischio idrogeologico in Emilia su: Bacini emiliani centrali, Bacini emiliani orientali, Pianura e bassa collina emiliana occidentale, Bacini emiliani occidentali e, per il Veneto, lungo i fiumi Po, Fissero-Tartaro-Canalbianco e Basso Adige.

Luca Angelini

Powered by Siteground