26 January 2021

Mercoledì sera: attenzione ai primi TEMPORALI lungo le ALPI

merseraMentre l’alta pressione spadroneggia su mezza Europa, dall’Atlantico arrivano i primi segnali che fanno intendere un cambiamento a breve. Tra il ciclope del caldo ben disteso sul Mediterraneo e una saccatura che avanza a grandi passi dall’Atlantico inizierà infatti ad ingaggiarsi un braccio di ferro come pochi. Nelle prossime 36 ore la pressione esercitata sul diaframma anticiclonico dalle correnti fresche dell’oceano troverà un suo primo punto di sfogo a cavallo dell’arco alpino.

Su questo settore si verrà a creare un evidente corridoio di vento in alta troposfera, alias il ramo ascendente del Getto Polare, che metterà in presa diretta la massa d’aria calda stazionante nei bassi strati, con le infiltrazioni più fresche che inizieranno a trafilare in quota. Ma l’aria fresca pesa e, sorvolando l’aria più calda, si troverà senza appoggio sotto i piedi. L’aria si farà instabile e partiranno così imponenti moti verticali.

Per questi motivi tra il pomeriggio e la sera di domani, mercoledì 13 maggio, sarà certamente buona norma ricordarsi che le zone alpine potranno rischiare fenomeni temporaleschi a catena. Questi ultimi saranno più probabili lungo il versante nord-alpino e a ridosso dei settori prossimi al confine di Valle d’Aosta, alto Piemonte, alta Lombardia, Alto Adige, anche se non si esclude la possibilità di qualche spunto temporalesco anche sulle Prealpi, in particolare sui  centro-occidentali.

Giovedì sera probabilmente una replica, poi venerdì il peggioramento anticipato in questo articolo, che andremo ad analizzare in un successivo apposito approfondimento.

Luca Angelini

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.