15 January 2021

Nebbie e nubi basse, c’è chi vedrà poco sole nei prossimi giorni

Quanto avverrà nei prossimi giorni dimostra che la presenza di un campo anticiclonico non significa necessariamente avere giornate serene e soleggiate. La regola certamente funziona per le zone di alta montagna, dove si fa sentire direttamente la compressione operata dal nostro anticiclone, ma sulle bassure e in questa stagione anche lungo le fasce costiere, possono sussistere condizioni favorevoli alla formazione della nebbia e/o di nubi basse.

La nebbia già interessa vaste porzioni della pianura Padana e continuerà a farlo anche nei prossimi giorni, seppur con fasi alterne caratterizzate da parziale sollevamento e quindi dalla presenza di nubi basse. Cieli grigi quasi come se fosse novembre, talora intervallati da qualche ora di sole nel pomeriggio, quando il tepore riuscirà a penetrare la cortina grigia e a riscaldare le brume della pianura.

Nella seconda parte della settimana poi, a partire da giovedì 23 febbraio, l’apporto di aria lievemente umida nei bassi strati, andrà ad addossare un po’ di nuvolaglia sulle regioni del medio e alto versante tirrenico, comprendendo quindi anche Liguria, Toscana, Umbria e Lazio. Non si esclude la possibilità di qualche goccia. L’aria mite e umida infatti, transitando sul mare più freddo, causerà la condensazione del flusso con inevitabile formazione di nuvolosità e quindi la conferma anche su queste zone di passaggio a cielo grigio, seppur non freddo.

Anche la cresta delle Alpi infine, lambita dalla coda delle perturbazioni destinate alla regione balcanica, potranno risentire di alterni passaggi nuvolosi, con qualche precipitazione non esclusa, nevosaperò a partire da quote piuttosto elevate per la stagione.

Luca Angelini

Nebbie e nubi basse, c’è chi vedrà poco sole nei prossimi giorni