14 July 2020

Nel weekend oltre 10°C di differenza tra nord e sud

Due circolazioni opposte, l’una che porta su aria calda direttamente dai Tropici e l’altra che scaraventa verso il Mediterraneo centrale un nocciolo freddo di origine polare. L’Italia, per la sua centralità geografica, si troverà proprio nel mezzo ed ecco che nei prossimi giorni si assisterà ad una autentica secessione climatica tra nord e sud del Paese.

Se al nord sarà dunque quasi primavera, con le temperature ben assestate mediamente 5-6°C al di sopra della media climatologica riferita alla terza decade di febbraio, il sud verrà interessato da una breve ondata di aria fredda che porterà i termometri ad inabissarsi anche 6-7°C sotto la stessa media. A metà le regioni centrali, delle quali quelle esposte verso l’alto versante tirrenico saranno più soggette ad un clima più mite e quelle adriatiche sotto il tiro di più freddi venti di Grecale.

Facendo un rapido e facile calcolo si evince ad esempio che tra Lecce e Milano correranno oltre 10°C di differenza, una situazione ribaltata rispetto alla norma, dove notoriamente si sa che la Lombardia risente di un clima invernale ben più rigido rispetto al Salento.

Ma questa volta andrà così. Come? La cartina in figura (clic per aprirla) parla da sola…

Luca Angelini