20 August 2017

NEVE e nevischio (ma anche gelicidio), il nord ci riprova giovedì

Un‘ipotesi davvero tirata per i capelli, che prevede il perfetto incastro di molti fattori, comunque non così remota da non essere segnalata.

I giochi, per così dire, si svolgeranno in due fasi in dipendenza dall’avvicinamento di una perturbazione atlantica, quella che in questo video vi ho segnalato con il n.2.

Nella prima parte della giornata il flusso mite e umido che precederà il fronte in avvicinamento si manifesterà sul mar Ligure con venti di Libeccio (vedi a tal proposito questo editoriale), i quali verranno sollevati dall’arco appenninico ligure e trasporteranno aria più mite e umida sopra il cuscino gelato che ancora staziona sulla pianura Padana, realizzando i presupposti per qualche locale spruzzata di neve sui versanti padani dello stesso Appennino, in estensione anche alla pedemontana pavese.

Frattanto la perturbazione vera e propria, potendo contare su un notevole spessore troposferico, valicherà l’arco delle Alpi, generando condizioni favorevoli a nevicate sparse sulle zone alpine, in estensione irregolare anche a quelle prealpine e, in serata, anche alla pianura settentrionale piemontese e lombarda (vedi figura riferita alla città di Mlano, click per aprirla). Non si esclude la possibilità che in alcune zone di fondovalle e di pianura difficile collocazione, si possa manifestare localmente e temporaneamente il fenomeno della pioggerella ghiacciata o gelicidio. Nella notte su venerdì gli stessi fenomeni, potranno trasferirsi a macchia di leopardo anche verso le Venezie, interessando anche zone di pianura e l’Emilia Romagna, cessando invece al nord-ovest, fatta eccezione per i settori alpini di confine dell’alta Valle d’Aosta.

Prima dell’alba di venerdì cessazione dei fenomeni su tutti i settori, molti dei quali non potranno comunque neanche constatare eventuali depositi bianchi al suolo, mentre nel corso della giornata di venerdì sulle regioni di nord-ovest diverrà protagonista il vento di Foehn (freddo) che spazzerà il cielo addossando ulteriore nuvolosità solo a ridosso delle Alpi di confine, su nord-est ed Emilia Romagna, ma questa è già un’altra storia.

Concludo sottolineandovi l’estrema incertezza che affligge la previsione sopra riportata, la quale andrà senz’altro validata e confermata nei prossimi aggiornamenti. Seguiteci regolarmente!

Luca Angelini

NEVE e nevischio (ma anche gelicidio), il nord ci riprova giovedì