29 April 2017

NEVE fino al mare, ecco dove sta per arrivare

Uno sguardo alla figura qui sotto, ricavata da un immagine del satellite Meteosat rielaborata in chiave sinottica, ci chiarirà le idee su quello che sta accadendo, spiegandoci anche quello che ancora deve succedere, che è poi la parte più importante, quella che ci porterà la neve sino al mare entro poche ore.

Due i canali del freddo puntati verso l’Italia, un primo che è già in azione sul nostro Paese, contraddistinto da un letto di aria fredda di origine artica e di caratteristiche marittime (frecce blu), il quale come da previsione ha varcato i confini dell’Italia la scorsa notte (notte su giovedì 5) accompagnandosi al transito della perturbazione di testa, la numero 1, in viaggio sulle nostre regioni centro-meridionali. Lungo l’Adriatico si sono avuti anche temporali, fenomeni che compariranno nelle prossime ore anche sul nord della Sicilia. Su tutte queste zone si stanno verificando le prime nevicate ma per il momento, come era stato sottolineato nel video previsionale, solo nelle zone interne.

Il gelo, che porterà la neve fin sulle coste, sopraggiungerà di li a poco; possiamo individuare la sua attuale posizione con le frecce nere nei pressi della Polonia, con il fronte di avanzamento che sta guadagnando l’Austria in attesa di fare il suo ingresso sull’Italia. Il movimento di traslazione verso est dell’intero asse della colata farà in modo che il flusso gelido irromperà sull’Adriatico spostandosi nel frattempo verso est e irrompendo pertanto attraverso le Alpi Dinariche, proprio come abbiamo spiegato ieri in questo approfondimento.

Nelle prossime ore e per tutta la giornata dell’Epifania, si attende quindi l’ulteriore calo delle temperature con estensione delle nevicate dalle quote collinari fin verso i litorali, quali?

Certamente quelli adriatici partendo dal Riminese fino al Salento, ma anche su quelli settentrionali siculi tra Messinese e Palermitano. Occasionalmente, nelle fasi di possibile sfondamento dal crinale appenninico, qualche spruzzata non si esclude a tratti anche sui versanti tirrenici compresi tra Campania, Calabria e su quelli ionici della Basilicata.

Diverse città costiere verranno imbiancate, come abbiamo approfondito in questo articolo, tra le quali Ancona, Pescara, Termoli, Vasto, Bari, Brindisi, probabilmente in via temporanea anche TarantoMessina, Reggio Calabria e persino Palermo. Si tratterà comunque di precipitazioni sotto forma di rovescio, quindi da considerarsi a carattere intermittente e discontinuo, intervallate da pause asciutte spazzate dal vento. Ulteriori nevicate possibili anche nella giornata di sabato sulle regioni meridionali, specie sul settore adriatico. Da domenica interruzione dell’afflusso gelido e progressivo rialzo delle temperature.

Luca Angelini

NEVE fino al mare, ecco dove arriverà