27 November 2020

Quando il Nord Italia ha due volti pluviometrici distinti: il caso di Emilia-Romagna e Piemonte

Un mese di novembre (e in generale un autunno) a due velocità: con l’eccezione negativa di ottobre (infausto per tutto lo Stivale), è stata una stagione ricca di impulsi instabili e di piogge. Ma non per tutti

Come spiegato qui, Piemonte, Ponente Ligure e in parte la Sardegna continuano a essere in posizione decisamente sfavorevole per le precipitazioni: e così, mentre in Emilia Romagna ci sono aree con 400 mm in due mesi (settembre e novembre), più del doppio della media, nel Ponente Ligure la siccità continua ad avere connotati veramente preoccupanti e le Alpi di Ponente continuano a essere decisamente poco innevate per essere oramai in inverno.

Il periodo che verrà sarà piuttosto freddo, anche pungente per il periodo, ma sempre secco per le suddette aree: da un lato sarà termicamente inverno vero (come non si vedeva dal 2010 a inizio dicembre), dall’altro mancheranno ancora una volta le precipitazioni.

Senza contare il fatto che coi continui flussi da N/NO le zone prospicienti le Alpi occidentali sono tutte sottovento, pertanto subiscono anche l’effetto favonico (con tassi di umidità assoluta veramente bassissimi).

Forse sarebbe meglio avere meno freddo e più piogge, ma il tempo non si comanda…

 

L’immagine (cortesia Arpaemr) mostra la portata del Po a Piacenza, l’unico sensore dell’Emilia Romagna la cui influenza è esclusivamente degli immissari piemontesi: mentre i sensori più a est hanno sempre una portata inferiore alla norma ma non di molto (grazie alle continue piogge appenniniche e romagnole), a Piacenza la portata è addirittura al minimo storico. In altre parole, il Po non è mai stato così basso in quella zona a fine novembre (il dato di 333 m3/s è del 21 novembre e il record storico mensile precedente era di 370 m3/s).

Notare anche come l’intenso peggioramento di inizio mese abbia solo momentaneamente tamponato la crisi idrica, tutt’altro che risolta.

Questa è la fotografia del Nord-Ovest.

Davide Santini

Quando il Nord Italia ha due volti pluviometrici distinti: il caso di Emilia-Romagna e Piemonte