1 December 2020

Nord Italia: e ora si rimarrà a secco almeno sino al 23 novembre

L’andamento meteo-climatico 2.0 si conferma: due giorni di pioggia, magari intensa, poi tre settimane di secco assoluto, due di pioggia e tre di secco e così via. Il caso attuale dell’Emilia Romagna dimostra perfettamente questo trend: dopo settimane di tempo asciutto, è arrivato il mese di novembre ad appianare le medie con 100-200 millimetri di pioggia (a seconda delle zone). Peccato che di questi accumuli, alcuni dei quali addirittura nevosi anche in pianura, la stragrande maggioranza siano occorsi in due sole giornate piovose, contro una media di otto.

Detto questo appare chiaro che, archiviati i fenomeni parossistici – che per alcuni, leggi estreme regioni di nord-ovest non ci sono neanche stati – si torna da capo, con tempo asciutto e precipitazioni zero.

La mappa in figura (click per aprirla) mette in risalto proprio questo dato: il nord Italia – ma possiamo metterci dentro anche la Toscana e la Sardegna dove per altro negli ultimi giorni ha certamente piovuto a sufficienza, seppur con il solito sistema del “tutto in una volta” – nei prossimi otto, dieci giorni, quindi almeno fino al 23 novembre, rimarrà a secco, non pioverà e non nevicherà. L’Atlantico c’è ma sarà ancora troppo alto e tutto il carico di perturbazioni finirà probabilmente sui Balcani

Se mal comune fa mezzo gaudio, ma in questo caso c’è poco da restare allegri, saremo in bella compagnia di Francia, Spagna Portogallo, Algeria e Marocco. Andrà invece meglio sulle nostre regioni centro-meridionali, anche se il grosso delle precipitazioni attive su queste zone saranno a carico del vortice attualmente in azione, almeno fin quando resisterà, giovedì 16 e forse in parte anche venerdì 17 novembre.

Luca Angelini