28 November 2020

Nord-ovest: è arrivata la NEVE!

Andando anche oltre le migliori aspettative, la neve ha fatto la sua comparsa questa mattina (sabato) non solo a quote basse e in alcuni fondovalle alpini come regolarmente previsto ma, per quanto riguarda le regioni di nord-ovest, a tratti anche su zone pianeggianti.

Tra queste spicca la nevicata che ha interessato la provincia di Torino, compreso anche il capoluogo piemontese, oltre alle “solite” zone del Cuneese che comunque, pur trovandosi sulla fascia pianeggiante pedemontana, si trovano a quote comprese tra 500 e 600 metri. La seconda immagine è proprio dedicata alla città dei “Marroni”.

casaleUna nevicata, piuttosto effimera a dire il vero, ha interessato nella notte anche il fondovalle aostano, imbiancando anche il capoluogo di regione. Intanto in quota prosegue l’abbuffata nevosa, in linea con quanto era stato sottolineato in fase di previsione.

Ma non è tutto: le nevicate che avevamo messo in preventivo per alcuni fondovalle alpini, si sono manifestate anche lungo le rive dei laghi Maggiore, D’Orta, di Varese e, in parte anche sui settori occidentali del lago di Como. Le acque dei laghi in questa stagione infatti, pur senza un inverno decente alle spalle, han perso gran parte del loro potere mitigante e permettono dunque questi brevi episodi.

toTra tutte le immagini disponibili ho voluto inserire quella relativa alle Isole Borromee, poste al centro del lago Maggiore, in uno tra i più bei contesi della zona.

Anche la Lombardia è stata interessata da nevicate a quote molto basse, a tratti di fondovalle, in particolare su Comasco, Lecchese, Bergamasca e alta Valtellina, mentre procedendo ulteriormente verso est il limite delle nevicate risulta un po’ più alto.

Dobbiamo comunque tenere presente che, come anticipato in questo approfondimento, l’asse delle precipitazioni più abbondanti e dunque anche l’asse delle nevicate a quote lagomaggiorepiù basse, segue la linea di confluenza che avevamo addocchiato, partita dal mar Ligure, in direzione delle regioni di nord-ovest, sviluppatasi probabilmente un po’ più ad ovest di quanto simulato dalla modellistica numerica (vedi ultima immagine in basso), che comunque ha fatto anche in questo caso il suo bel figurone.

Per questi motivi nelle prossime ore si attendono ulteriori rovesci nevosi sino a bassa quota che, dall’entroterra ligure (nevica già alle spalle di Genova fin verso i 700-800 metri, si porteranno man mano verso est andando a interessare il resto della

temporLombardia, l’estremo ovest dell’Emilia e forse il Veneto occidentale, mentre andrà progressivamente alzandosi la quota delle nevicate sul Piemonte, dove nel pomeriggio è anche attesa una certa attenuazione dei fenomeni.

Luca Angelini

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.