22 September 2018

Occorre la PIOGGIA, molta pioggia e anche subito!

La siccità più subdola è quella che non ti aspetti, non quella meteorologica, non quella agricola, ma quella idrologica.. Avviene quando il livello delle riserve d’acqua in una certa zona è al di sotto della media: falda freatica, fiumi, laghi, invasi artificiali costituiscono questa riserva e il deficit può aver luogo anche in tempi di precipitazioni nella media, nel caso di siccità meteorologica pregressa e/o per l’aumento del prelievo.

Nelle foto l’invaso artificiale di Monte Cotugno alcuni anni fa (sopra) ed oggi (sotto).

Il Lago di Monte Cotugno, conosciuto anche come Diga di Senise, è un maestoso impianto di raccolta idrica ottenuto con lo sbarramento del fiume Sinni, realizzato tra il 1970 ed il 1982. La diga è paurosamente gigantesca, infatti misura circa 250m alla base ed ha una capacità idrica di 530 milioni di metri cubi che ne fa una tra le maggiori dighe di Italia e la più grande diga in terra battuta d’Europa.
A primo acchito appare come un mare d’acqua dolce dal colore chiaro, verdastro, quasi da bere.

E’ la principale fonte dell’approvvigionamento idrico della zona metapontina e tarantina, oltre all’ILVA di Taranto, per la sua vicinanza geografica. Si espande lungo un versante piuttosto brullo, dove sorge l’abitato di Senise (PZ) con la relativa zona industriale.

Una tale situazione di deficit rispecchia quanto sta avvenendo non solo in Basilicata, ma anche su molte altre zone d’Italia dove  la mancanza di piogge e nevicate sufficienti negli ultimi anni abbia portato a questa situazione di silente criticità. Occorre dunque la pioggia e anche subito!

Germano Placido Di Leo

Occorre la PIOGGIA, molta pioggia e anche subito!