I possibili TEMPORALI di sabato sera dal nord-est verso la val Padana

Quando una perturbazione seguita da aria fresca giunge dall’Atlantico e trova davanti a sè aria calda e umida da sollevare, il meccanismo è molto semplice: la maggior densità dell’aria fresca fa si che quest’ultima si infili sotto il cuscino caldo sollevandolo di forza. Bene, questo “semplice” meccanismo diventa però molto più complesso quando c’è di mezzo una imponente ed estesa catena di montagne come le Alpi.

In questo caso infatti l’aria fresca entra prima in quota, poi inizia ad infilarsi attraverso le valli, quindi aggira l’ostacolo rientrando dall’Adriatico settentrionale verso la val Padana sostenuta da venti di Bora.

E’ quello che accadrà nella giornata di sabato 19 agosto, allorquando la perturbazione che abbiamo descritto nel nostro ultimo video – e che è già transitata venerdì sera su centro-ovest Alpi – si invorticherà in corrispondenza del nord Italia. Il ramo occluso del sistema frontale, quello che sancisce anche l’incipiente isolamento del vortice alle quote superiori , sarà quello che si renderà responsabile di possibili temporali, localmente anche violenti, che dal Triveneto si porteranno lungo l’asse padano.

La cronologia vedrà i fenomeni attivarsi già in giornata sulle Alpi orientali, con successivo sconfinamento verso coste adriatiche e pianure venete nel pomeriggio, quindi sfondamento serale retrogrado lungo l’asse padano verso Lombardia e Piemonte, quindi ripartenza nella notte su domenica verso l’Emilia Romagna.

Faccio notare che i parametri temporaleschi principali suggeriscono la possibilità di grandinate sull’area padana piemontese e lombarda (soprattutto i settori posti a cavallo del fiume Po), mentre lungo le coste venete, romagnole e nell’immediato entroterra non si esclude la possibilità di qualche fenomeno vorticoso (trombe d’aria e/marine, vedi seconda cartina qui sopra).

Luca Angelini

I possibili TEMPORALI di sabato sera dal nord-est verso la val Padana