Precipitazioni e temperature, tutti i numeri dell’inverno 2016/17

Adesso ognuno tirerà fuori dal cappello la sua stagione personalizzata, esaminata partendo da un dato locale che ai fini climatici non ha alcuna valenza se non per il luogo stesso. Quando si parla di una intera stagione, nella fattispecie l’inverno, si abbraccia anzitutto un periodo di tre mesi, esattamente dal 1 di dicembre al 28 di febbraio. In secondo luogo si analizzano i principali parametri meteorologici quanto meno su scala nazionale.

Detto questo, andiamo a vedere in concreto cosa è stato rilevato, che inverno è stato in Italia ma anche in Europa e cerchiamo di tirare qualche somma.

Partiamo dall’Italia: inverno decisamente sotto tono dal punto di vista delle precipitazioni, le quali si sono attestate su quantitativi complessivi vistosamente al di sotto della media del trimestre su quasi tutta l’Italia. A questo dato fanno eccezione tre soli settori: Abruzzo/Molise, il sud della Sicilia e l’est della Sardegna, dove si sono avute precipitazioni superiori alla media. Pesante invece l’ammanco di precipitazioni al nord e sulle regioni centrali tirreniche, ma anche su gran parte del sud peninsulare. Basti penare che al nord sono caduti mediamente meno di 100 millimetri d’acqua in tre mesi, meno della metà del normale quantitativo. Le ripercussioni sugli apporti nevosi in montagna sono direttamente proporzionali a questo dato.

Passiamo alle temperature: in questo caso emergono diverse zone che sono state caratterizzate da temperature al di sopra della media, pur se non di molto, anche in questo caso concentrate al nord e sulle regioni dell’alto versante tirrenico. I valori su queste zone si sono attestati al di sopra della media da 1 a 3°C. Profilo termico prossimo alla norma invece sul resto del Paese. Scendendo ancor più nei dati si nota che la temperatura media sull’intera Penisola si è attestata tra 0 e 10°C. Fanno eccezione la Sardegna, la Sicilia occidentale, orientale e il sud della Calabria, dove la temperatura media del trimestre è risultata leggermente superiore.

Infine uno sguardo all’Europa: più freddo della norma sui Paesi Balcanici, con scarti compresi tra 1 e 3 gradi. Più mite della norma su Regno Unito, Paesi Scandinavi, Finlandia, Danimarca, Russia europea e, a tratti, anche su Francia e Spagna. Altrove temperature prossime alla media. Precipitazioni invece al di sotto della media su gran parte del Continente, con vistose anomalie soprattutto sul settore centrale. Fanno eccezione la Spagna sud-orientale, la Norvegia occidentale e la Russia europea.

Luca Angelini

Precipitazioni e temperature, tutti i numeri dell’inverno 2016/17