18 January 2021

Prima, durante e dopo il fronte FREDDO

Prima, durante e dopo il temporale. Tutto cambia: la temperatura, la trasparenza, persino il profumo dell’aria. Tra tutte le perturbazioni che possono accompagnarsi a temporali primaverili o estivi, quella denominata come fronte di irruzione fredda, o fronte freddo, è sicuramente la più spettacolare, soprattutto nel semestre caldo. Lo scavalco impetuoso della catena alpina e l’improvviso capitombolo dell’aria fredda lungo i pendii, generano una una forte turbolenza e una fenomenologia che comprende soprattutto rovesci e colpi di vento, ma a volte anche tuoni, fulmini e grandinate.

duranteQuanto anticipato è esattamente quello che è successo ieri, 18 aprile 2016 e il giorno precedente, su alcune zone del nord Italia. Ora ve lo descrivo con la sequenza di figure preparate in allegato all’articolo. Lo scenario è quello del lago di Garda, sulle nostre regioni settentrionali, allorquando un fronte freddo, nell’aprile di qualche anno fa, ha messo a stretto contatto aria mite e umida affluita in precedenza dalla val Padana e quella più fredda sopraggiunta dall’Atlantico. Ne sono scaturite manifestazioni temporalesche sui settori centro-orientali delle Alpi, tra est Lombardia e Triveneto. Interessante seguire passo passo cosa è accaduto in località Tignale (sponda bresciana del Benaco), aiutandoci con le immagini allegate.

Nella prima immagine notiamo la stasi precedente l’arrivo del fronte, con cielo velato, foschia densa e vento calmo o debole brezza meridionale. Nella seconda dopoimmagine ci troviamo nel pieno della perturbazione, con la rapida rotazione del vento da nord, forte fino a bassa quota a causa delle correnti discendenti legate al passaggio delle precipitazioni temporalesche.

Nella terza immagine ecco invece la panoramica dopo il passaggio frontale: l’aria fresca ha preso il posto di quella calda e l’atmosfera risulta tersa con ampi rasserenamenti. Il vento soffia ancora da nord, ma è più debole. Si esaurirà solo la mattina successiva, quando le brezze risalenti dalla val Padana lo contrasteranno fino a bloccarlo definitivamente invertendo e ripristinando il normale andamento giornaliero.

Ringrazio Denis Riccardi per questa interessante testimonianza fotografica.

Luca Angelini

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.