3 December 2020

Le stazioni meteo preferite dagli appassionati

In principio era il Ghibli, vento caldo del deserto…

… poi diventa Scirocco, quello che noi tutti conosciamo. La storia, seppur alla rovescia, è assimilabile a quella ben più interessante che si accompagna al Buran asiatico, che una volta giunto in Europa diventa Bora o Grecale.

Ma se il vento gelido delle steppe siberiane latita ormai almeno dall’inverno del 2012, l’alito caldo del Ghibli, rimanipolato come Scirocco, sta diventando quasi un piatto tipico servito a cadenze regolari e sempre più frequenti. Il Ghibli è dunque un vento caldo e secco tipico della Libia, che soffia da sud o da sud-est. Trasporta aria prelevata dalle dune del Sahara che solleva fino a grandi altezze verso la costa mediterranea.

Le polveri più fini riescono talvolta a sorvolare il mare e ad approdare sull’Italia con gli effetti che tutti ben conosciamo. 

ghibli satIn Libia porta violente tempeste di sabbia accompagnate da un vistoso aumento delle temperature, che possono superare i 30°C anche in pieno inverno. Pensate che per il Libici, il Ghibli è un vento benefico per l’agricoltura, poichè favorisce la maturazione dei datteri. Storicamente il Ghibli ha avuto risvolti determinanti. Vi propongo queste splendide parole del giornalista e report di La Stampa, Domenico Quirico:

“…Il vento del deserto è forte, capace di inghiottire eserciti interi: quello di Cambise, il re dei re persiano in marcia verso l’oasi del dio Amon; e quello di Rommel con i carri di ferro e gli aerei, accecato come gli antichi guerrieri e i loro cavalli….” “…È così forte da modellare le pietre splendenti di cristalli. Raccontano anche loro storie meravigliose e se le getti in un pozzo mille voci escono dalla profondità della terra, dove partono le piste dirette alle capanne degli dei inferi. Nessuno, neppure i più famosi guerrieri, neppure il grande Kaossen, li ha mai percorsi tornando vivo. È il vento che ti guidava con fragore di tempesta nelle grandi traversate degli erg , incanalandosi nei corridoi di sabbia e dune alte come montagne…”

Luca Angelini

incipio era il Ghibli, vento caldo del de

Powered by Siteground

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.