4 December 2020

Le stazioni meteo preferite dagli appassionati

Prossima settimana: torna l’alta pressione ma non per il SUD

I più attenti frequentatori di questo sito web, ricorderanno certamente quello che avevamo anticipato nel nostro ultimo video meteo (tra il minuto 3.10 al minuto 3.20 per l’esattezza) riguardo il fatto che la perturbazione giunta domenica al centro-nord si porterà lunedì al sud e li rimarrà bloccata per alcuni giorni.

Tutto confermato anche dalle ultimissime elaborazioni dei modelli numerici. Il canale di bassa pressione entro il quale si trova incernierata questa perturbazione, si troverà costretto da una manovra a tenaglia operata dalla concomitante espansione di due campi anticiclonico, l’uno in risalita dal Medio Oriente verso l’estremo est europeo e l’altro dal vicino Atlantico in direzione dell’Europa occidentale.

Quest’ultimo, tra parentesi, sarà quello che determinerà le sorti del tempo sulle nostre regioni centro-settentrionali, argomento che tratteremo in altro apposito editoriale.

Quanto detto depone invece per una fase di tempo instabile, ventoso e anche un po’ freddino sulle nostre regioni meridionali almeno sino a metà settimana, obiettivamente fino a mercoledì 25 ottobre compreso.

Su queste zone potremo quindi avere rovesci sparsi, anche spunti temporaleschi, isolati ma talora intensi, una ventilazione quasi sempre sostenuta, dapprima intorno nord-ovest, in rotazione successiva a nord-nord-est che renderà i nostri mari meridionali molto mossi per diversi giorni.

Non ultimo il campo delle temperature, previsto scendere sensibilmente da lunedì e poi assestarsi su valori al di sotto della media di circa 3-4°C, anche 5°C sui versanti appenninici rivolti verso l’Adriatico.

Su queste zone l’abbraccio dell’anticiclone dovrebbe comunque farsi avanti nella seconda parte della settimana, ma dovremo certamente confermare.

Luca Angelini

Prossima settimana: torna l’alta pressione ma non per il SUD