21 October 2020

Prossime ore, rischio NUBIFRAGI su alcune zone del nord

Come anticipavamo nel nostro ultimo VIDEO, tra la sera di giovedì 14 e la notte su venerdì 15 maggio, è atteso un forte peggioramento nello stato del tempo su gran parte delle nostre regioni settentrionali. Come si evince dalla figura qui sopra tutte le regioni potranno venire interessate dai fenomeni, che saranno però più probabili e intensi su Piemonte e alta Lombardia, meno (se non addirittura assenti) sull’Emilia orientale, in Romagna e nello Spezzino, dove invece si avranno piogge più moderate e a distribuzione irregolare.

La sinottica di base è di quelle favorevoli allo sviluppo di fenomenologia intensa: abbiamo una veloce corrente a getto ascendente in quota, con correnti divergenti che richiamano aria dai bassi strati. Proprio nei bassi strati è presente aria molto umida pronta a sollevarsi in blocco all’avvicinarsi di una perturbazione proveniente dalla Francia.

Questa perturbazione, incernierata entro un minimo di pressione in formazione sul Golfo del Leone, separa aria polare fredda in discesa dal nord dell’Atlantico da aria subtropicale molto calda in risalita dal nord Africa e, di fatto, fornirà l’innesco di attività temporalesca anche di forte intensità, soprattutto su Piemonte, alta Lombardia e, localmente, anche su Friuli Venezia Giulia. Il riscaldamento diurno avutosi in virtù degli attuali rasserenamenti, fornirà ulteriore energia al sistema. Alcuni tra i precursori temporaleschi sono riassunti nella figura qui sotto.

Il target dei fenomeni attesi si colloca, come abbiamo detto, tra la sera di oggi, giovedì 14 e l’intera notte su venerdì 15 maggio. Tra la fenomenologia più importante da segnalare, oltre ai colpi di vento e ad una certa possibilità di isolate grandinate, abbiamo individuato soprattutto il rischio di precipitazioni molto abbondanti in poco tempo e quindi la possibilità del manifestarsi di nubifragi.

Luca Angelini

Powered by Siteground