17 October 2018

Quella depressione tra Francia e Spagna non si sposta più…

Finchè quell’area ciclonica, che da settimane staziona tra Francia e Spagna non si sposta da li, il tempo sull’Italia non cambierà.

I motivi per cui una figura atmosferica rimane arenata per diverso tempo su una determinata zona sono legati agli equilibri della circolazione atmosferica. Immaginate una foglia adagiata sulla corrente di un fiume; essa seguirà seguirà i flussi finchè, catturata da un mulinello, inizierà a ruotare su sè stessa rimanendo imbrigliata ai margini, quasi stazionaria sul posto senza procedere oltre.

Solo una modifica della corrente del fiume modificherà questo equilibrio consentendo alla nostra foglia di liberarsi e riprendere la corsa verso valle.

Così sta capitando a quella figura di bassa pressione che si è posizionata tra Francia e Spagna, abbandonata a intermittenza dal flusso principale atlantico e pertanto arenata sul posto ormai da quasi tutto il mese di maggio, del quale ne ha delineato le caratteristiche anche in Italia. Ha piovuto molto al nord, specie al nord-ovest, poco al sud, dove invece ha fatto un po’ più caldo.

Fino a quando rimarremo soggetti a questa circolazione che porta su aria da sud, calda e umida? Finchè non si modificherà la situazione a livello generale. Al momento dalle carte (vedi figura in alto facendo click per aprirla) non emerge alcuna modifica in tal senso, almeno nella prima metà del mese di giugno. Il dopo si vedrà.

Luca Angelini

Quella depressione tra Francia e Spagna non si sposta più…