23 July 2018

Regioni ioniche: allerta arancione per sabato 10 febbraio

Alleghiamo il bollettino criticità emesso dal Dipartimento della Protezione Civile per sabato 10 febbraio. In concomitanza al transito della perturbazione dai noi prevista alcuni giorni fa, si conferma un passaggio di piogge intense soprattutto in mare aperto (Ionio) in direzione di Grecia e Albania, ma a tratti anche su Sicilia, Puglia e Calabria.

Questo il BOLLETTINO DI CRITICITA’ IDROGEOLOGICA

PER LA GIORNATA DI SABATO 10 FEBBRAIO 2018:
MODERATA CRITICITA’ PER RISCHIO IDROGEOLOGICO LOCALIZZATO SU:
CALABRIA: Versante Tirrenico Meridionale, Versante Jonico Meridionale, Versante Jonico Centro-settentrionale, Versante Jonico Settentrionale, Versante Jonico Centro-meridionale.
PUGLIA: Salento.
SICILIA: Nord-Orientale, versante tirrenico e isole Eolie, Nord-Orientale, versante ionico.
VENETO: Alto Piave.

BOLLETTINO VIGILANZA METEO

Precipitazioni:
– diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sulla Sicilia nord-orientale e sui settori meridionali e ionico della Calabria, con quantitativi cumulati elevati sui versanti settentrionali e orientali della Sila, da moderati a elevati sulle restanti zone.
– diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sul resto della Sicilia orientale e sui versanti tirrenici centrali della stessa isola maggiore, sul resto della Calabria e sulla Puglia meridionale, con quantitativi cumulati generalmente moderati.
– sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Basilicata, Puglia centrale e versanti meridionali della Sicilia centrale, con quantitativi cumulati puntualmente moderati.
– da isolate a sparse, localmente anche a carattere di rovescio o temporale, sul resto di Puglia e Sicilia e sulla Campania meridionale, con quantitativi cumulati deboli.

Nevicate: al di sopra dei 700-900 m su Campania meridionale, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia settentrionale, con apporti al suolo abbondanti su Calabria, Basilicata meridionale e settori centro-orientali della Sicilia settentrionale, moderati sui restanti settori lucani, deboli sulle restanti zone settentrionali della Sicilia, sulla Campania meridionale e sui rilievi della Puglia; al di sopra dei 1000-1200 m sul resto della Sicilia, con apporti al suolo moderati; al di sopra dei 300-500 m sul Piemonte sud-occidentale, con apporti al suolo deboli o puntualmente moderati, in rapido esaurimento in mattinata.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: in sensibile diminuzione le massime sulla Calabria e localmente su Sicilia e Puglia.

Venti: da burrasca a burrasca forte settentrionali sui settori ionici di Sicilia e Calabria; forti dai quadranti settentrionali con raffiche di burrasca sui restanti settori di Sicilia e Calabria e su Puglia, Basilicata e Campania, con rinforzi fino a burrasca forte sulla Puglia meridionale e sui crinali sia appenninici che dei rilievi dell’isola maggiore; forti settentrionali sulla Liguria centro-occidentale, in attenuazione; tendenti a forti nord-orientali sul Golfo di Trieste; tendenti a forti settentrionali sui settori adriatici centrali e localmente su bassa Toscana e alto Lazio.

Mari: agitati lo Stretto di Sicilia e lo Ionio; molto mosso, tendente ad agitato, il Mar di Sardegna; molto mossi l’Adriatico centro-meridionale, il Tirreno meridionale e il Mar Ligure settore di Ponente al largo; tendenti a molto mossi dalla serata l’Adriatico settentrionale e il Tirreno centrale al largo.

Report Luca Angelini

Regioni ioniche: allerta arancione per sabato 10 febbraio