28 March 2017

Rinfresca? Ma quando rinfresca, ma dove rinfresca?

Certo suona strano questo termine “rinfrescata” riferito al periodo natalizio che, per quanto possa essere temperato il clima mediterraneo, dovrebbe essere già fresco di suo. Si va invece incontro ad una fase meteo-climatica indubbiamente anomala, soprattutto per quanto riguarda la frequenza degli episodi con temperature al di sopra della media che procede pari pari, di anno in anno, all’aumento della media stessa.

Eccoci allora al punto: quando si avvertirà un cambiamento, quando si farà sentire l’inverno anche dal punto di vista climatico?

Come vi avevo già anticipato e descritto in questo video, sin dopo Natale nessuna novità, mentre spingendoci alla media scadenza, notiamo un po’ di fermento in più in prossimità della fine del mese (e dell’anno). Un movimento che si evidenzia essenzialmente alla scala sinottica, quindi rimanendo con il metro di misura allargato alla scala continentale.

Quanto emerge dalle più recenti elaborazioni numeriche risulta ancora avvolto ancora da un nn indifferente margine di incertezza. Anche in questo caso vi ho voluto proporre un parallelo probabilistico tra i due migliori modelli fisico-matematici al mondo, l’inglese ECMWF e l’americano GFS. Il denominatore comune ad entrambi è per l’appunto una ripresa delle ondulazioni legate alle correnti portanti, con sviluppo di creste d’onda (alte pressioni) e cavi d’onda (depressioni) in alternanza ilo che fa propendere per una maggior dinamicità complessiva del tempo.

Poi però rimane da vedere cosa accadrà sull’Italia. Per il momento entrambe le simulazioni ci suggeriscono la possibile discesa di un pacchetto d’aria fredda dal nord Europa verso la regione balcanica, che quest’anno è stata già più volte presa di mira da eventi analoghi. Quello che conta però, ovvero l’affidabilità di quanto evidenziato, lascia a desiderare, come si nota dagli elevati indici di incertezza (alti valori di spread vedi barra a destra dell’immagine), che sulle carte sono riportati con quella colorazione giallo all’arancio.

Insomma, per la fine dell’anno l’anticiclone arretrerà un po’ verso ovest, lasciando la parola al continente e alle sue discese di aria fredda che potrebbero lambire anche l’Italia, soprattutto le nostre regioni meridionali ma con tempistica e modalità ancora tutte da verificare. La fretta è sempre una cattiva consigliera, pertanto il mio consiglio è quello di trascorrere in pace e serenità le festività natalizie e attendere che gli eventi maturino tornando sull’argomento all’inizio della prossima settimana.

Luca Angelini

Rinfresca? Ma quando rinfresca, ma dove rinfresca?