Sabato e domenica: apice del CALDO al sud e sulle Isole

Un’altra ondata di caldo raggiunge il culmine e ancora una volta propone i suoi massimi effetti sulle nostre regioni meridionali e sulle Isole Maggiori, secondo uno schema che si ripete quasi in fotocopia rispetto ai casi precedenti di questa estate.

Dunque, mentre una saccatura nord-atlantica raggiungerà le nostre regioni settentrionali e poi anche quelle centrali, apportando temporali e un calo delle temperature, il sud e le Isole se la dovranno vedere con la risposta calda in risalita dal nord Africa. I vari effetti combinati che accompagnano questo apporto caldo, inserito nella nota figura anticiclonica nord-africana e con l’aggiunta anche di qualche episodio di compressione locale (venti in caduta dalle montagne) potranno spingere le temperature a raggiungere valori anche decisamente elevati.

Secondo le stime dei modelli numerici infatti SABATO 21 potremo raggiungere 36-37°C su vaste porzioni di territorio (e non solo a livello locale) in Sardegna, Puglia, Basilicata e Sicilia, soprattutto nelle zone interne. Possibili punte locali anche più elevate. Il quadro è rappresentato dalla figura in alto (click per aprirla).

DOMENICA 22 la Sardegna inizierà a beneficiare del refrigerio portato dal Maestrale, mentre l’asse del caldo si sposta verso sud e Sicilia. Possibili valori massimi anche fino a 38-39°C su entroterra pugliese, lucano e siculo orientale, fino a 35-37°C su quello calabrese ionico.

Per una rinfrescata su queste zone dovremo attendere la giornata di lunedì 23.

Luca Angelini

Sabato e domenica: apice del CALDO al sud e sulle Isole