15 December 2018

Sacche di aria fresca in quota, possibili temporali notturni su…

L’alta pressione domina la scena europea, ma per quanto performante possa essere si ritrova con una spina piantata nel fianco. Si tratta di una balda circolazione ciclonica attiva alle quote superiori (l’abbiamo evidenziata nel nostro VIDEO) che pone il suo fulcro sulla verticale della regione balcanica. L’aria fresca contenuta entro questa struttura lambisce di quando in quando anche l’Italia determinando condizioni di improvvisa e temporanea instabilità atmosferica.

Accadrà tra questa sera (sera di martedì 24)  la notte su mercoledì 25 luglio, allorquando potranno crearsi sull’Italia due aree soggette alla possibilità di temporali notturni. Il primo settore comprende la pianura lombardo-veneta (in particolare est Lombardia e Veneto occidentale) in direzione dell‘Emilia Romagna. Il secondo nodo temporalesco riguarderà l’area dello Stretto di Messina, con particolare riferimento al Reggino tirrenico (Calabria).

Le aree sono rappresentate chiaramente nella figura in alto (click per aprirla). Si tratterà di fenomeni isolati, ma a tratti anche intensi che ci scuoteranno nel cuore della notte, ma che si spegneranno progressivamente all’alba del nuovo giorno.

Luca Angelini

Sacche di aria fresca in quota, possibili temporali notturni su