Sconfortante: in Valle d’Aosta scomparsi 32 ghiacciai in 20 anni

Il report annuale sull’evoluzione della criosfera (superficie ghiacciata) della Valle d’Aosta, redatto dall’ARPA Regionale VDA, è assolutamente sconfortante. Dal 1999 al 2020 si sono persi 32 ghiacciai, dato che corrisponde al 22% della superficie glaciale regionale. Nel 2021 le fronti dei ghiacciai osservati si sono ritirate mediamente di 13 metri. Una analisi del permafrost (ovvero dei suolo ghiacciato) alla quota di 3.100 metri in località Cime Bianche (sopra Breuil Cervinia) è stato rilevato lo scongelamento fino ad una profondità di 6 metri: il 19% in più della media. La risorsa idrica contenuta nella neve nel momento del massimo accumulo stagionale è calata del 23% passando da 1.129 milioni di metri cubi nel periodo 2001-2020 a 870 del 2021. L’altezza massima della neve nel giorno più innevato dell’anno è stata di 118 cm, il 21% in meno della media (che è di 149 cm). Infine, la temperatura media annua è cresciuta di 0,2°C e quella della stagione estiva di 0,6°C rispetto alla media 2002-2020.

Fonte studio e dati ARPA Valle d’Aosta

Report Luca Angelini