28 November 2020

Settembre 2017: fresco in Italia, caldo nel mondo

Ecco una di quelle occasioni che ci insegnano a distinguere tra tempo e clima, tra situazione locale e trend generale. Solo qualche giorno fa abbiamo approfondito il mese di settembre in Italia, sottolineando che, se dal punto di vista delle precipitazioni ci sono stati contenti e scontenti, da quello delle temperature il dato è univoco: il mese è stato più fresco della media stagionale con un bilancio finale di -0,45°C.

Bene, in Italia ha fatto fresco ( e finalmente possiamo dire) ma nel mondo? Partiamo dall’Europa, dove la distribuzione delle anomalie si è organizzata entro un dipolo, con il fresco localizzato sull’Europa centro-occidentale e in Russia, mentre il caldo si è concentrato sul settore scandinavo e sull’Europa orientale. In totale, le temperature medie in Europa si sono attestate su un valore pari a +0,70°C rispetto alla media (1981-2010).

Ecco già le prime discrepanze, con un’Italia fresca ma un’Europa calda? E il resto del mondo?

Non è andata molto diversamente dagli anni precedenti. Si conferma infatti l’anomalia positiva di temperatura, esattamente +0,5°C, anomalia che si trascina ininterrottamente dal mese di settembre 2015, tanto è che settembre 2017 è stato il secondo mese di settembre più caldo dall’inizio delle rilevazioni strumentali.

Luca Angelini

Settembre 2017: fresco in Italia, caldo nel mondo