27 January 2021

TEMPERATURE, guardate che crollo!

Ricordate quanto avevamo preannunciato nel nostro ultimo VIDEO? Ebbene quella massa di aria fredda individuata dai modelli numerici si è messa in marcia verso il cuore dell’Europa con obiettivo il Mediterraneo centrale.

In realtà le correnti che stanno per giungere sull’Italia saranno di due tipi: una porzione, quella destinata alle nostre regioni nord-occidentali e alla Sardegna, saranno di origine polare marittima fredda e proverranno dall’Atlantico settentrionale tra l’Islanda e la Groenlandia. Poi una seconda corrente, in questo caso gelida, avrà come zona di prelievo il cuore del mar Glaciale Artico. Questa corrente investirà le nostre regioni centrali e meridionali apportando una breve ma intensa ondata di freddo tra il 3 e il 5 gennaio.

I due flussi viaggeranno paralleli imboccando un corridoio disposto da nord verso sud, dalla penisola Scandinava verso il Mediterraneo centrale e proseguiranno poi la loro corsa al di là del mare sul nord Africa, dove piegheranno verso est risalendo verso il Mediterraneo orientale.

Il calo delle temperature sull’Italia sarà dunque secco: al nord-ovest (Foehn permettendo) e sulla Sardegna si calerà fino a 6-8°C, sul resto dell’Italia anche 8-10°C con punte fino a 10-12°C in meno rispetto ai valori attuali sulle regioni adriatiche e meridionali, quelle maggiormente esposte al flusso artico.

In ogni caso, tra il 3 e il 5 gennaio tutta l’Italia viaggerà su temperature al di sotto della media climatologica della prima decade di gennaio, di 4-5°C al nord-ovest, di 6-7°C in Sardegna fino a 10°C sul resto del Paese. Una situazione che su alcune regioni porterà anche la neve, ma di questo ne parleremo in un apposito approfondimento dedicato.

Luca Angelini