Il tempo della settimana: un po’ instabile al nord e nelle zone interne del centro

Proprio alcuni giorni fa, cari lettori, vi avevo invitato a porre l’attenzione su quella biforcazione che si notava in sede di previsione sui cieli dell’Atlantico a carico delle correnti portanti in entrata sul continente europeo. Ne avevamo parlato in questo articolo ricordate? Eccoci allora alle conseguenze, con il ramo principale di queste correnti che devia bruscamente verso nord andando a disegnare una vistosa ondulazione anticiclonica che collocherà i suoi massimi dall’area britannica verso quella scandinava attraverso il mar di Norvegia, mentre una di bassa pressione si pone subito a valle tra il Baltico e la Finlandia.

sinottica quota 17 agostoL’aria fresca legata a quest’ultima struttura ha già raggiunto in quota cieli delle nostre regioni settentrionali, attivando condizioni di lieve instabilità atmosferica, che nei prossimi giorni tenderanno ad estendersi dall’area alpina anche alle altre zone. Frattanto il ramo secondario del flusso atlantico invece, decisamente più blando, proseguirà lungo i paralleli penetrando dalla penisola Iberica verso il Mediterraneo e venendo ad interessare l’Italia da ovest.

Quali saranno allora le conseguenze concrete sul tempo di casa nostra?

Come detto al nord si avranno condizioni di tempo lievemente instabile, con il sole, prevalente al mattino, che se la giocherà con annuvolamenti e brevi acquazzoni isolati, più probabili al pomeriggio soprattutto a ridosso dell’area alpina e prealpina. A partire da mercoledì 17 l’instabilità pomeridiana potrà innescarsi anche sull’Appennino settentrionale e nelle zone interne del centro peninsulare, con qualche rovescio o temporale possibile, ulteriormente incentivata nella giornata di giovedì 18 al nord per il transito di una (debole) perturbazione.

Venerdì 19 l’instabilità si concentrerà ancora sul nord-est, al centro e nelle zone interne del sud peninsulare, mentre sabato 20, dopo una partenza per lo più soleggiata, potrà aversi un peggioramento a partire da ovest per via di una seconda perturbazione.

Nel contesto descritto le temperature si manterranno intorno ai valori medi del periodo (seconda decade di agosto) tuttavia, considerato l’apporto di umidità da parte delle correnti descritte, si potrà avere in qualche caso condizioni di caldo un po’ fastidioso nelle zone interne e pianeggianti lontane dal mare.

Luca Angelini

Il tempo della settimana: un po’ instabile al nord e nelle zone interne del centro

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.