18 January 2021

Tempo e MALTEMPO: tutto quello che c'è da sapere fino a venerdì

21mag500Iniziamo con una breve analisi della carta in quota (mappa qui a fianco, centrata per l’alba di giovedì) per evidenziare in modo semplice e intuitivo le pedine atmosferiche coinvolte nell’evoluzione meteorologica dei prossimi tre giorni: si nota subito una saccatura di origine polare che, costretta ad ovest dall’alta pressione delle Azzorre e a levante da un’anticiclone sull’Europa dell’est, va a svilupparsi lungo i meridiani centrali europei sino a raggiungere il nord Africa.

Il rinforzo dell’anticiclone delle Azzorre e la successiva espansione verso Francia e 21magslmInghilterra porrà in essere un’accelerazione del flusso portante oltre il 50°parallelo (frecce gialle). In questo modo la saccatura sarà costretta a rilasciare un minimo secondario (cut-off) che si porterà giovedì dal golfo Ligure verso Corsica e Sardegna. Proseguirà quindi la sua corsa venerdì sul Tirreno poi dovrebbe arenarsi a cavallo delle nostre regioni centrali, tentando di agganciare sabato l’Adriatico. La perturbazione associata (vedi seconda immagine a destra) subirà pertanto una vistosa ondulazione che complicherà le cose un po’ per tutti.

20magpreviIn questo modo si andrà infatti evolvendo un peggioramento a doppio corpo: in una prima fase (mercoledì) verranno interessate soprattutto le regioni settentrionali (non tutte), mentre nella seconda fase l’asse delle piogge si sposterà anche al sud del Po e andrà poi a coinvolgere soprattutto centro e sud peninsulare. Per quanto detto possiamo quindi iniziare a stilare un utile schema previsionale, che può essere riassunto come segue.

MERCOLEDI 20 il grosso del maltempo è atteso sulle regioni alpine e prealpine centro orientali (Lombardia e Triveneto), dove alta sarà la probabilità di rovesci e temporali. Quota neve in calo sulle Alpi fino a 2.000-2.200 metri.Non si esclude qualche rovescio (soprattutto pomeridiano) sull’Appennino Ligure e sui 21magprevisettori di confine tra Romagna, Toscana, Umbria e Marche. Scaldata al sud con qualche punta massima fino a 30 gradi.

GIOVEDI 21 la perturbazione raggiunge il centro dove, pur indebolendosi, riuscirà comunque a recare alcuni rovesci, specie nella notte sulla Sardegna e in mattinata sul settore peninsulare, in successivo trasferimento verso la Campania. Ancora forte instabilità al settentrione dove il rischio di precipitazioni, al mattino concentrato soprattutto sulle zone alpine, tenderà a coinvolgere tutti i settori. Quota neve intorno 2.000 metri sulle Alpi. Temperature in calo al centro. Nel frattempo si completa il processo di cut-off descritto sopra quindi…

22mag previVENERDI 22 dovrebbe essere la giornata peggiore, in termini di estensione e di carico piovoso. Le uniche zone che potrebbero rimanere in tutto o in parte esclude saranno la Sicilia, la Calabria e l’estremo sud della Puglia (particolari che necessitano di conferme). Temperature in calo al sud.

Luca Angelini

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.