15 December 2018

TEMPORALI a gennaio nel nord-ovest italiano, un episodio insolito

Nottata veramente insolita quella tra l’8 e il 9 gennaio: una particolare configurazione sciroccale, con una vasta area ciclonica a ovest del Mar Ligure, ha consentito una imponente risalita di aria molto mite dal Nord-Africa, con umidità molto elevata e punti di rugiada insoliti (ovviamente per la stagione); in serata, al sopraggiungere di refoli di aria (relativamente) fredda e più secca da est, si è originato un vero e proprio sistema multicellulare di rovesci e temporali, che ha coperto un’area vastissima (si vedano le figure sotto).

Di seguito tutte le anomalie di questo evento (e sottolineo che la sua eccezionalità sta proprio che sono state tutte insieme e tutte inusuali per il mese di gennaio, in riferimento al Nord Italia).

  • Temperature minime esagerate di 9-11°C (a fronte di medie tra -1°C e -3°C)
  • Dew Point (temperatura di rugiada) -se possibile- ancora più esagerati, 9-13°C (si vedano le figure)
  • Gradiente barico importante che ha originato raffiche di scirocco veramente inusuali per la Lombardia
  • Aria ricchissima di polveri sahariane che ha ulteriormente contribuito all’originarsi delle scariche temporalesche

I granuli del Sahara se viaggiano in quota rimangono stabili elettricamente, ma allorquando incontrano una catena montuosa, subiscono l’effetto sbarramento, si urtano violentemente e si caricano per strofinio (uno dei 3 modi per caricare elettricamente un oggetto, insieme a contatto e induzione).

La figura in alto (click per aprirla, fonte BlitzOrtung) mostra l’impressionante tappeto di fulmini della notte.

Tutte queste situazioni hanno portato a un vero e proprio festival di temporali, con valori di 11°C a mezzanotte, sotto intense raffiche di vento e con varie aree soggette a grandinate.

Concludo dicendo che un fenomeno simile è del tutto nuovo e l’unico termine di paragone è con il gennaio 2007 (vedere al tempo stesso anomalie termiche di 8°C, del dew point (temperatura di rugiada) di 12°C e un tappeto di fulmini degno dei mesi di maggio è un evento su cui riflettere…

Figura 2 qui sopra (credit Centrometeolombardo): intensità pluviometriche puntuali degne dei temporali estivi. RR (Rain Rate, ossia quantità di pioggia che cade nell’unità di tempo) di 250-300 mm/h è un valore che non ha alcuna attinenza con l’inverno in Lombardia.

Davide Santini

TEMPORALI a gennaio nel nord-ovest italiano, un episodio insolito