TEMPORALI: giovedì 15 saranno anche forti su alcune zone, ecco quali

Mentre il promontorio anticiclonico nord-africano tende a ritirarsi sempre più verso le nostre regioni meridionali, sulla Spagna la spirale nuvolosa che rimane dalle ceneri dell’ex-uragano “Danielle” verrà assorbita e rigenerata da una saccatura polare che si estenderà con il suo limite di massa fin sul versante nord-alpino. Tra l’anticiclone e la saccatura si attiveranno intense correnti sud-occidentali che trasporteranno verso l’Italia centro-settentrionale aria molto umida. Lo scontro tra le due masse d’aria (subtropicale e polare) e l’ulteriore azione di sollevamento orografico da parte di Alpi e Appennini darà modo alle masse nuvolose risultanti di sviluppare una fenomenologia convettiva, anche a sfondo temporalesco su diverse zone del nostro Paese.

Segnaliamo in particolare, per il NORD ITALIA, l’area alpina e prealpina centro-orientale, comprendente Lombardia, Triveneto, con l’intero Friuli Venezia Giulia coinvolto da fenomeni anche abbondanti, i settori centrali e di Levante della Liguria e la dorsale appenninica emiliano-romagnola. Per il CENTRO ITALIA possibilità di temporali di forte intensità, anche accompagnati da grandinate di medie dimensioni, si concentrerà soprattutto sulla Toscana, ma coinvolgerà anche l’Umbria, i rispettivi confini marchigiani e il Lazio. Nella prima parte della giornata (e forse anche in serata) qualche temporale sarà possibile anche in Sardegna, mentre le frange periferiche delle scie temporalesche laziali potranno raggiungere in serata il nord della Campania.

Luca Angelini