22 October 2020

A tu per tu col "generale", sciogliamo insieme il nodo di fine anno

romaUn lungo viaggio inizia sempre da un piccolo passo. E se questo passo non sarà più lungo della gamba, si può allora iniziare a ragionare. Il nocciolo della questione è: cosa ci riserverà il tempo a cavallo di fine anno? Il target indicato è stato volutamente preso in considerazione, perchè alcune roboanti titolate da parte di siti più o meno accreditati, insistono nel seppellire la nostra Italia sotto neve e gelo del periodo compreso tra Santo Stefano e i primi di gennaio.

Cosa c’è di vero in tutto questo? Considerando le fonti cui gli autori dei suddetti articoli si sono “ispirati” (4 corse deterministiche al giorno, modelli fatti in casa, sensazioni personali, roulette, cabala e altre analoghe amenità), praticamente zero.

E intanto gli appassionati si infervorano: “possibile che si sia andati su Marte e non si sia ancora capaci di prevedere il tempo che farà tra una settimana”? Come spiegato in questo approfondimento, a volte determinate condizioni possono imporre un alt alle nostre analisi. La scienza dice “stop”. Andare oltre vuol dire sparare a caso e farlo in mala fede.

roma1Utilizzando gli opportuni strumenti però, è possibile osare e spingersi una manciata di ore più in là, solo per sbirciare da lontano, oltre la barricata, con il rischio di vedere tutto sfuocato e illeggibile.

In questo caso ci siamo serviti delle 20 corse d’ensemble elaborate dal modello americano GFS e dalle 50 elaborate dal modello inglese ECMWF. Perchè proprio questi modelli? Perchè tecnicamente risultano i migliori al mondo: migliori tecniche di assimilazione dati iniziali, miglior capacità di calcolo, miglior descrizione fisica dei processi, miglior risoluzione di griglia, migliori coefficienti di correlazione (affidabilità) e via dicendo.

Non paghi, ci siamo andati a studiare anche i cosiddetti diagrammi di Hovmoller, uno strumento sofisticato, dal nome impossibile, ma dalle grandi potenzialità, poichè ci consente di studiare i treni d’onda. In altre parole ci consente di mettere a fuoco i periodi caratterizzati da anomalie positive di geopotenziale (periodi con maggiori probabilità anticicloniche) e quelli da anomalie negative  (periodi con maggiori probabilità cicloniche).

E veniamo al dunque: cosa ci dobbiamo aspettare nel periodo compreso tra il 26 dicembre e il 2-3 gennaio?

HOVMOLPartiamo dal fondo, diagramma di Hovmoller (vedi figura qui a fianco): tra il 28 dicembre e il 2 gennaio si nota un campo di anomalie positive a carico dell’altezza geopotenziale di 300hPa (anticiclone delle Azzorre, striscia gialla nel diagramma) che sposterà i suoi centri d’azione tra il 10mo e il 30mo meridiano est, ossia tra noi e l’est europeo. Parallelamente, osservando quanto evidenziato dalle frecce nere, si nota in segnale avanzante di una anomalia negativa dello stesso geopotenziale che procede da 10 gradi di longitudine ovest (vicino Atlantico 26-28 dicembre) verso il meridiano di Greenwich (28-29 dicembre), fino a noi tra il 30 dicembre e il 2 gennaio.

Ciò starebbe a significare che il cedimento della pressione previsto sull’Italia a fine mese, sarebbe da ascrivere ad un affondo depressionario di matrice nord-atlantica, ossia piuttosto simile agli ultimi episodi perturbati vissuti in questa stagione ( e NON a retrogressioni di natura artico-siberiana). Il successivo rallentamento dell’onda, come si evince dalla meridianizzazione del segnale sul grafico, confermerebbe il blocco del flusso portante a causa di un nuovo rinforzo dei campi di pressione sulla Russia, anche questa figura ormai vista e rivista fin dal novembre scorso.

Dal diagramma dunque, ancora una volta, non emergono particolari scenari di gelo sino a fine mese, al più il solito botta e risposta tra il richiamo mite afro-mediterraneo e  l’inserimento in coda di aria polare marittima, con sbalzo attorno ai valori medi del periodo o appena inferiori.

Ma nel frattempo la natura andrà per la sua strada. Ecco che servirà ora, come prova del nove, la trasposizione di quanto detto sul nostro ben più noto grafico d’ensemble. Lo ritroviamo nella figura qui sotto.

gfsBeh, risulta abbastanza evidente che la predicibilità rimane ai minimi termici ma che il cluster nero, che rappresenta la media di tutti e 20 gli attrattori, scende tra il 26 e il 28 dicembre (cedimento dell’alta delle Azzorre) riportandoci a valori medi del periodo o appena inferiori, poi risale al di sopra tra il 29 e il 2 gennaio (inserimento del richiamo mite in testa alla nuova depressione in allungo dal nord Atlantico), quindi ridiscende a riagguantare la media dopo il 2-3 gennaio (inserimento aria polare marittima in coda alla stessa depressione).

Ma è esattamente quello che avevamo individuato sul precedente diagramma, ovvero abbiamo scoperto che i due strumenti probabilistici da noi utilizzati sono in fase tra loro e pervengono alle medesime conclusioni.

Conclusioni: per quanto detto sopra, si nega ancora una volta la possibilità di una svolta stagionale. Dunque, sino a fine anno (e forse anche oltre) niente gelo, niente nevicate a tappeto sulle nostre città, niente eventi epocali, ma solo un prosieguo di stagione che, talora al costo di grandi sforzi, riuscirà a dispensare un po’ di inverno a corrente alternata.

Sarà comunque nostra cura, tornare sull’argomento e implementarlo alla luce delle novità che man mano emergeranno dalle analisi successive.

Luca Angelini

 

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.