17 January 2021

Ultimissime flash: l'apice del MALTEMPO atteso tra lunedì e martedì

500hPa16marUna lieve modifica nel posizionamento del minimo principale, attualmente a sud dei Pirenei piuttosto che sul golfo del Leone, sta generando un lieve ritardo nell’avanzata della perturbazione prevista per oggi, domenica. I primi fenomeni in nottata hanno interessato la Sardegna, ora si limitano all’estremo nord-ovest (Ponente ligure, Piemonte, Valle d’Aosta), ma entro la fine del giorno si porteranno anche sul resto del settentrione e su buona parte del centro, soprattutto lungo il versante tirrenico. Possibile qualche temporale su Liguria di Ponente, coste toscane e laziali. Neve abbondante sulle Alpi, soprattutto a partire dai 1.000 metri e in Appennino a partire dai 1.300 metri.

Sarà però lunedì la giornata peggiore, in termini di estensione ed intensità dei fenomeni. L’implementazione del vortice ad opera di un secondo minimo in movimento retrogrado dalla Mitteleuropa verso il Regno Unito, inclinerà negativamente l’asse della saccatura permettendo così alla stessa di attingere aria mite e umida dall’entroterra nord-africano. Il flusso, identificabile con un corpo nuvoloso in risalita verso il nostro meridione (tecnicamente Warm Conveyor Belt), si sovrapporrà alla perturbazione, generando così un tappeto di fenomeni pressochè omogeneo su gran parte d’Italia. Lo Scirocco africano genera un rialzo delle quote neve che sulle Alpi si porterà intorno ai 1.200 metri, in Appennino anche a 1.500-1.600 metri.

piogglun16marMartedì la perturbazione tenderà ad occludersi e il minimo inizierà a perdere vigore, anche perchè verrà inibito da un rialzo del geopotenziale dovuto allo sprofondamento di una seconda saccatura atlantica in quel della Spagna. Saranno comunque ancora possibili precipitazioni, essenzialmente a ridosso dei versanti occidentali, Isole comprese.

Mercoledì l’aumento della pressione così realizzato darà luogo ad un generale miglioramento, con dissoluzione della nuvolosità e ritorno a tempo almeno in parte soleggiato, per di più anche piuttosto mite. Ne riparleremo nei prossimi aggiornamenti.

Luca Angelini

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.