30 November 2020

Venerdì 30 forti TEMPORALI a cavallo delle Isole Maggiori

Nel contesto sinottico generale che abbiamo descritto in questo precedente approfondimento, tutta l’attenzione si concentra su un corpo nuvoloso che, legato alla depressione presente nell’entroterra nord-africano, tenderà a venire richiamato verso i nostri mari meridionali ad opera di una saccatura in discesa dal nord Atlantico.

Passando ora ad analizzare le caratteristiche fisiche delle masse d’aria coinvolte, si nota l’attivazione nei bassi strati di un flusso molto caldo e umido che dalla Tunisia punta il bacino tirrenico centro-meridionale transitando tra le due Isole Maggiori, particolare che si evince dagli elevati valori della temperatura potenziale sul piano isobarico di 850hPa (circa 1.500 metri di quota, vedi figura).

piogge-venerdi-30Questo flusso caldo-umido presente nei bassi strati, denominato tecnicamente “low level jet”, determinerà una vistosa instabiizzazione della colonna atmosferica e pertanto sul settore evidenziato potranno aversi condizioni favorevoli alla formazione di nuvolosità e di precipitazioni convettive, ossia di temporali, talora anche di forte intensità. Il massimo dei fenomeni è atteso in mare aperto, sul Tirreno centrale e meridionale tuttavia nel corso della giornata di venerdì potranno venire coinvolte anche le Isole Maggiori e in particolare i settori meridionali e orientali della Sardegna e, in misura probabilmente minore, quelli occidentali della Sicilia.

Considerata la possibile ulteriore forzante determinata dallo sbarramento orografico, non si esclude anche la possibilità di fenomeni localmente intensi sul Cagliaritano, orientativamente tra Capoterra, Campidano di Cagliari e Sarrabus. Eventualmente interverremo con un ulteriore approfondimento dedicato.

Luca Angelini

Venerdì 30 forti TEMPORALI a cavallo delle Isole Maggiori

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.