21 August 2018

Venerdì instabilità residua al nord, altrove nubi sparse ma asciutto

L’azione del vortice atlantico arenato da giorni alle porte del Continente si farà ancora sentire sulle nostre regioni settentrionali, dove comunque la nuvolosità e le precipitazioni inizieranno a diradarsi e a lasciar spazio anche a qualche spazio di timido sole.

Laddove si avranno precipitazioni, che risultano essere più probabili a ridosso delle zone montuose, pedemontane e sulla Liguria di Levante (qui al mattino) si avranno anche brevi nevicate, con limite a partire da 1.000 metri dei settori alpini di confine (ma anche 800 metri nelle valli più strette), e i 1.400 metri di tutti gli altri settori, Appennino settentrionale compreso.

Sul resto del Paese si avrà alternanza di annuvolamenti e schiarite, per la fase di transizione tra il vortice atlantico e quello che risalirà del nord Africa, e di cui abbiamo approfondito nel nostro ultimo VIDEO. Quest’ultima figura determinerà un aumento della copertura nuvolosa stratificata al centro-sud e sulle Isole Maggiori, ma senza conseguenze in termini di precipitazioni.

Qualche pioggia si potrà invece ancora avere sulle Alpi occidentali (settore piemontese) con limite delle nevicate in lieve risalita tra 1.400 e 1.600 metri.

Le temperature sono previste in lieve flessione al nord, altrove stazionarie su valori prossimi alla media, tendenti però a risalire nella giornata successiva, e soprattutto da domenica, come abbiamo approfondito in questo editoriale.

Luca Angelini

Venerdì instabilità residua al nord, altrove nubi sparse ma asciutto