6 April 2020

WEEKEND 22-23 settembre: più sole che nubi e temperature ancora elevate

Il fine settimana che ci traghetterà di diritto nell’autunno astronomico non subirà grandi scossoni dal punto di vista meteorologico. C’è comunque da segnalare che tra sabato e domenica assisteremo alle premesse di quello che poi avverrà la prossima settimana, nella fattispecie l’apporto di aria più fredda dai quadranti settentrionali.

SABATO 22 la coda di una debole perturbazione atlantica in transito sull’Europa centro-settentrionale interesserà l’Italia portando con sè alcune velature, ovvero banchi nuvolosi alti e stratificati, sottili e pertanto intervallati da ampi spazi soleggiati. Una ventilazione settentrionale debole, ma asciutta, inizierà a ripulire l’aria dalle foschie sulle nostre regioni settentrionale, in particolare lungo l’area alpina, mentre qualche acquazzone potrebbe svilupparsi nel corso del pomeriggio sui settori più orientali, in particolare su Friuli e Venezia Giulia.

Le TEMPERATURE si manterranno stazionarie su valori al di sopra della media. Un certo calo si potrà però avere a ridosso dei settori alpini di confine, soprattutto in quota, mentre nelle valli tale calo sarà “mascherato” da una moderata ricaduta favonica.

DOMENICA 23 l’aria fresca transitata oltralpe nella giornata di sabato, rientrerà al nord attraverso la porta adriatica con venti da est e porterà alcuni addensamenti sull’area padana e a ridosso del versante sud-alpino, specie sul settore piemontese. Non si esclude qualche pioggia isolata di passaggio. Altrove venti di Libeccio più asciutti e prevalenza di tempo soleggiato. Temperature invariate.

LUNEDI’ 24 nessuna variazione di rilievo, a parte un po’ di nuvolosità sparsa legata all’avvicinamento della perturbazione che poi, a metà della prossima settimana, dovrebbe portare aria più fresca su tutta l’Italia (da confermare).

Luca Angelini

WEEKEND 22-23 settembre: più sole che nubi e temperature ancora elevate

WEEKEND 22-23 settembre con molto sole e poche nuvole