8 December 2019

Weekend ad alto pericolo di VALANGHE su tutte le Alpi

Erano diversi anni che a metà novembre, il manto nevoso accumulato sulle Alpi non si presentava così consistente. Le ripetute, abbondanti precipitazioni dei giorni scorsi, che tra l’altro si riproporranno ancora almeno sino all’inizio della prossima settimana, hanno però reso pericolosa la stabilità della neve su tutto l’arco alpino. Gli apporti medi tra 80 e 120 centimetri, unitamente ai venti forti, a tratti anche tempestosi in alta quota, acuiscono questo pericolo.

In particolare l’AINEVA segnala per sabato 16 novembre

  1. Pericolo di livello 4 (molto forte) su tutti i gruppi montuosi del Trentino, dell’Alto Adige e sulle Alpi Carniche e Giulie. Su questi settori le sopra i 2.500 metri elevato pericolo di valanghe a lastroni soffici o a debole coesione. Sotto i 2.500 metri valanghe da slittamento saranno possibili soprattutto sui versanti a fondo erboso. In tutti i casi i distacchi saranno probabili anche con debole sovraccarico e potranno essere di dimensioni grandi o molto grandi. Assolutamente sconsigliate uscite di qualsiasi tipo.
  2. Pericolo di livello 3 (forte) su Alpi Liguri, Marittime, Cozie, Graie, Pennine, Lepontine, Retiche, Orobie, Prealpi Venete, Carniche e Giulie.
  3. Pericolo di livello 2 (marcato) sulla fascia prealpina lombarda.

Per domenica 17 l’AINEVA prevede un parziale miglioramento della situazione che rimane comunque critica.

  1. Pericolo di livello 4 (molto forte) in Cadore, sulle Alpi Carniche e Giulie.
  2. Pericolo di livello 3 (forte) su Alpi Liguri, Marittime, Cozie, Graie, Pennine, Lepontine, Retiche, Orobie, Trentine, Prealpi Venete, Carniche e Giulie.
  3. Pericolo di livello 2 ( marcato) sulla fascia prealpina lombarda.
  4. Bollettino non emesso per Valle d’Aosta e Alto Adige.

Luca Angelini

Powered by Siteground