24 October 2020

Weekend: il MALTEMPO preferisce il centro-sud, poi…

metofiSITUAZIONE: l’Europa e il Mediterraneo sono interessati da un vasto, profondo e complesso sistema depressionario che seguita ad essere alimentato da aria polare marittima. L’alta pressione atlantica rimane sbilanciata in pieno oceano e crea, in contrasto con la saccatura, un elevato gradiente che si traduce in massimi di vento notevoli a carico sia della Corrente a Getto in alta quota, sia nella componente del vento nei bassi strati, entrambe disposte dai quadranti nord-occidentali.

EVOLUZIONE: entro il flusso polare marittimo si inseriscono diversi impulsi perturbati a ripetizione (vedi n.1 e 2 nella mappa in alto), i quali finiscono per convergere entro il vasto centro di bassa pressione che domina il Mediterraneo centrale. Il settore di massimo contrasto nel weekend si troverà a cavallo delle nostre regioni centro-meridionali con diversi impulsi di aria fredda (n.2 nella mappa in alto), mentre all’inizio della prossima settimana, al sopraggiungere di un’onda corta dal nord America (n.4 nella mappa in alto),  si porterà progressivamente anche verso il settentrione, generando condizioni di forte maltempo su tutta l’Italia.

OGGI: sabato bello al nord, seppur con qualche velatura di passaggio e  con successiva tendenza ad aumento della nuvolosità lungo la cresta alpina. Inizialmente discreto anche al centro ma con peggioramento in giornata. Maltempo invece al sud e sulle Isole maggiori, con precipitazioni diffuse e vento forte dai quadranti occidentali. Neve tra 800 e 1.000 metri ad eccezione dell’Appennino calabrese e de monti siculi, dove il limite si attesterà intorno a 1.700-1.900 metri.

domenicaDOMENICA: il transito di un’asse di saccatura in quota darà luogo tra la notte e il primissimo mattino a qualche nevicata fin verso i 200-300 metri su Toscana, Romagna e Friuli Venezia Giulia, cui seguirà un miglioramento. Bello sul resto del nord, ma con addensamenti lungo i settori alpini di confine con qualche spruzzata di neve portata da nord possibile fin nelle vallate adiacenti a causa della perturbazione contrassegnata con il n.3 nella mappa in alto. Instabile su Marche, sui settori tirrenici del centro-sud e sulle Isole Maggiori, con rovesci sparsi e nevicate intermittenti nelle zone interne tra 600 e 800 metri. ventoso in quota sulle Alpi e su tutto il centro-sud, dove persisteranno condizioni d burrasca s quasi tutti i bacini, specie su quello d Sardegna. Temperature stazionarie su valori prossimi o appena inferiori alla media del periodo.

LUNEDI: ancora qualche nevicata portata da nord lungo la cresta delle Alpi e moderata instabilità su meridione e Isole Maggiori, oltre che sul medio versante adriatico. Quota neve posta al centro-sud tra 400 e 600 metri. Maestrale sulle Isole. Ulteriore calo delle temperature, specie nei valori minimi.

TENDENZA SUCCESSIVA: martedì si attende l’inserimento dalla porta francese di Carcassonne del vortice in arrivo dal nord America, con peggioramento ad iniziare da Sardegna, regioni tirreniche e nord-ovest. Mercoledì e giovedì probabile maltempo su tutto il Paese ad eccezione dell’estremo sud. Possibili nevicate che al nord e sull’alta Toscana potranno giungere a tratti fino a quote pianeggianti. Freddo e ventoso ovunque. Seguiranno rispettivi particolari nel corso dei prossimi aggiornamenti.

Continuate a seguirci sul sito.

Luca Angelini

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.