Weekend inaffidabile su mezza Italia e non finisce qui…

Corsa dopo corsa, i modelli che simulano lo stato futuro dell’atmosfera, ci consentono di predisporre le indicazioni previsionali e di individuare la linea di tendenza più probabile anche a medio termine, non fanno altro che confermare quando già abbiamo sottolineato nei precedenti editoriali: tempo instabile su diverse regioni d’Italia nel weekend e anche dopo.

Il quadro in realtà è piuttosto semplice e vede un cuscino di aria mite e umida che staziona da giorni nei bassi strati. Le perturbazioni atlantiche infatti, ostacolate dall’anticiclone anomalo posto sull’Islanda, fanno il giro largo e non consentono un ricambio d’aria nei bassi strati. Nel frattempo però in quota seguita ad infiltrarsi aria fresca accompagnata lungo il bordo orientale dello stesso anticiclone. Lungo questa linea di demarcazione lunedì un impulso fresco un po’ più attivo riuscirà a spingersi anche al livello del suolo, portandosi a ridosso dei versanti orientali della nostra Penisola.

sinottica 4 giugnoIn questo modo, se da un lato fino a domenica 5 rimarranno attive le condizioni temporalesche “a orologeria” su gran parte del nord e delle zone interne del centro (occasionalmente anche su quelle interne meridionali peninsulari), lunedì 6 giugno ci dovremo attendere un’esaltazione di questi fenomeni soprattutto su Triveneto, settori interni appenninici e versanti adriatici sino alla Puglia, con possibili fenomeni intensi accompagnati da grandinate, rinforzo di venti settentrionali e calo (temporaneo) delle temperature, che coinvolgerà anche il sud.

Nel video che vi propongo in allegato ho anche dato un’occhiata alla linea di tendenza a medio termine, arrivando così a riscontrare che sull’Italia permarranno condizioni di tempo piuttosto instabile almeno sino a giovedì 9 giugno, pur se previsioniin un contesto termico in lieve, generale rialzo. L’alta pressione infatti si ritirerà lungo il meridiano di Greenwich portando aria calda soprattutto in Spagna e lasciando ancora una volta scoperta la nostra Penisola ai contrasti termodinamici e quindi alla possibilità di ulteriori acquazzoni.

Luca Angelini

Weekend inaffidabile su mezza Italia e non finisce qui…

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.