El Niño, rapido declino nel Pacifico; prossimo inverno con la Niña?

Secondo gli ultimi dati, l’evento di El Niño attualmente in corso ha raggiunto il suo picco e ora si avvia verso un rapido declino. Man mano che le anomalie oceaniche iniziano a riassorbirsi, e che il Pacifico tropicale inizia a raffreddarsi, il loro impatto atmosferico persisterà fino alla primavera, con i dati previsionali che mostrano chiare conseguenze sul tempo meteorologico soprattutto negli Stati Uniti e in Canada, molto meno in Europa.

Le conseguenze più evidenti infatti si avvertono prima di tutto a ridosso delle aree più vicine alla regione interessata dal fenomeno, ovvero quella tropicale a cavallo delle Americhe. Tuttavia, la modifica nella distribuzione della pressione e delle temperature su quelle zone riesce a forzare in forma indiretta anche l’andamento meteo-climatico a livello globale. Grazie all’analisi di particolari prodotti numerici, si è in grado di rilevare i sollevamenti e gli affossamenti dell’atmosfera in concomitanza con il progredire di questo fenomeno, tanti da poterne prevedere l’evoluzione.

E secondo questi modelli l’attuale fase di El Niño pare destinata a spegnersi fino a lasciar posto nei prossimi mesi, all’oscillazione opposta, quella de La Niña. Semmai venisse confermato, quest’ultimo fenomeno potrebbe avere un ruolo nell’evoluzione dell’inverno boreale.

Luca Angelini